Andrea Dovizioso a sorpresa su Valentino Rossi: tifosi spiazzati

Andrea Dovizioso torna su un argomento tanto caro ai piloti, e ricorda un episodio legato a Valentino Rossi: il retroscena.

Classe 1986, sembra proprio che Andrea Dovizioso abbia deciso. A fine stagione, a 36 anni suonati, il ragazzo emiliano con ogni probabilità, lascerà la MotoGP. E chissà che non voglia seguire il proprio ex collega, Valentino Rossi, in categorie riguardanti le quattro ruote, oppure non voglia ritirarsi finalmente a vita privata, dopo anni di viaggi in giro per il mondo.

Andrea Dovizioso (Ansa Foto)
Andrea Dovizioso (Ansa Foto)

A proposito della possibilità di mollare, le parole di resa di Andrea, sarebbero arrivate dopo Le Mans, ma ovviamente, al momento il classe ’86 fa parte come tutti i piloti in pista, delle tante associazioni legate alla MotoGP, quali: MSMA, legata ai Costruttori, e l’associazione dei team, IRTA. E poi c’è la FIM ​​di livello mondiale, e quella del promotore Dorna. Ma i piloti, sono soprattutto legati alla Safety Commission.

Cosa ha ammessa Andrea Dovizioso

Andiamo dapprima a capire di cosa si tratta, e poi vedremo come mai il nativo di Forlimpopoli, abbia tirato in ballo proprio Valentino, ormai ritiratosi da quasi un anno, in quella domenica valenciana che difficilmente andremo a dimenticare. Il nome stesso lo fa capire, quella di cui parliamo è la Commissione di Sicurezza, un incontro non ufficiale che i piloti tengono ogni venerdì dei week-end in cui si corre. La presenza non è obbligatoria, ma ad alcuni interessa particolarmente esserci. Si dice infatti, che ad esempio, Aleix Espargaro, c’è sempre.

L’idea della MotoGP era quella di creare però, anche una associazione molto più simile a quella dei sindacati per i comuni lavoratori, dove si sarebbe discusso anche di salari e contratti. La cosa comunque, per ora resta solo un’idea, ma all’epoca in cui ci si pensava, pare che il favorito dei colleghi per diventare eventualmente il ‘Direttore Generale’, era proprio Valentino, di cui invece ora parla il suo nuovo compagno di squadra, ma di rally.

La Safety Cimmission invece, continua ad esistere e Dovizioso ne ha parlato ultimamente, a Motorsport-Total.com, dicendo: “Ovviamente si può sempre migliorare, ma è produttiva. È vero, non abbiamo riunioni di dirigenti e non sempre parliamo di cose importanti”. Ed invece, come si comportava Rossi a tal riguardo? Così, il pilota emiliano sul rifiuto del Dottore di farsi portavoce dei colleghi:Posso capire Valentino. Comprendo che fa quello che fa per divertirsi, non si preoccupava di queste cose“.