Arrestato un calciatore dell’Everton: accuse gravissime

Arrestato un calciatore dell’Everton, a renderlo noto, la stessa squadra di club attraverso una nota, poi i tabloid

Gylfi Sigurdsson (Fonte foto: web)

Nelle scorse ore, un annuncio ufficiale dell’Everton FC, squadra di Liverpool e quindi della Premier League inglese, ha incuriosito i molti appassionati di calcio, sparsi per il mondo. Il fatto è molto grave, per le voci che poi si sono susseguite, e sicuramente non è una piccola pagina di gossip, quella delle scorse ore.

L’Everton annuncia: “L’Everton può confermare di aver sospeso un giocatore della prima squadra in attesa di un’indagine della Polizia. Il Club continuerà a supportare le autorità nelle loro indagini e al momento non rilascerà ulteriori dichiarazioni”. Nelle ore, si è poi parlato dell’età del calciatore e non del nome, sui vari tabloid britannici ed alla fine si è arrivati al nominativo.

LEGGI ANCHE>>> Il portiere inglese Jordan Pickford: svelato il segreto per parare i rigori

Si diceva di un “Calciatore di 31 anni che sarebbe sposato”, e di indagini svolte nell’area di Greater Manchester. Alla fine, si è giunti all’attaccante islandese, Gylfi Sigurdsson. La notizia adesso sta facendo il giro del mondo, ed intanto da ciò che ci arriva da oltremanica, sarebbe stato rilasciato su cauzione e quindi ad esami in corso, al momento non sarebbe in cella.

LEGGI ANCHE>>> Maglia Zidane ‘Francia ’98’, venduta ad un prezzo incredibile

Sicuramente, stando alla nota della squadra inglese, l’attaccante sarebbe sospeso, non si starebbe quindi allenando con la squadra e questo potrebbe prevedere anche una multa. Bruttissima la motivazione dell’accusa. Il calciatore islandese non avrebbe piazzato scommesse irregolari o truffato qualcuno, si sarebbe macchiato anzi di qualcosa di veramente deplorevole. L’accusa, infatti, è quella di pedofilia.

Quindi, c’è sicuramente un giocatore dei The Toffees arrestato con accuse gravi e poi rilasciato. Dagli indizi lasciati in giro dovrebbe essere proprio l’islandese, e probabilmente non c’è ancora la certezza del reato commesso. Quanto c’è di vero, lo dirà la polizia inglese nelle prossime ore.

Impostazioni privacy