In bilico un record di Lewis Hamilton: resterà ancora l’unico?

Lewis Hamilton sta vivendo un anno davvero molto complicato, tanto è vero che il suo andamento è a dir poco disastroso e nessuno lo credeva.

Ci sono dei piloti che sono in grado di scrivere pagine memorabili nella storia della F1, con Lewis Hamilton che ha reso grande il proprio nome e quello di McLaren e Mercedes, riuscendo a realizzare una serie incredibili di record nella propria immensa carriera, peccato che quest’anno potrebbe finire uno di questi, visto il disastroso inizio di stagione con una vettura davvero deludente.

Lewis Hamilton Mercedes (Ansa Foto)
Lewis Hamilton Mercedes (Ansa Foto)

Vedere così in difficoltà Lewis Hamilton come in questa stagione è sicuramente qualcosa di molto triste e difficile da digerire per tutti i grandi fans della F1, perché uno come il britannico è davvero in grado di stravolgere le gerarchie in qualsiasi momento grazie anche  a un colpo di genio.

Il 7 volte campione del mondo sembra però aver perso le motivazioni, anche perché la macchina quest’anno è ben distante da Ferrari e Red Bull e il suo modo di guidare è comunque lontano anni luce dal suo reale rendimento, con la Freccia d’argento che continua ad andare sempre più piano e con George Russell che sta dimostrando di meritare la guida di una grande Scuderia.

Hamilton ha già affrontato molte stagioni sfortunate, non tutte infatti nella sua carriera lo hanno visto lottare per il vertice, ma mai come in questa stagione sembra davvero essere a un passo dal non vincere nemmeno una gara, con Montecarlo che ha già l’impressione di essere l’ultima spiaggia.

Anche nelle annate più difficili e negative è comunque sempre riuscito a ottenere almeno una volta il gradino più alto del podio, con il primo anno in Mercedes che è stato conquistato unicamente in Ungheria, ma in questa stagione il record sembra essere pronto a crollare.

Hamilton sempre vincente in F1: record a rischio?

Partiamo subito con il dire che con 18 Gran Premi ancora a disposizione tutto è ancora aperto a tutte le possibili evenienze, in particolar modo perché ci si augura che la Mercedes migliori in qualche modo le sue prestazioni perché questo è davvero l’unico modo per poter far sognare i suoi tifosi e regalare un momento di gioia allo stesso Lewis.

Ciò che preoccupa è però la differenza di rendimento tra lui e George Russell, con il giovane compagno di squadra che si sta dimostrando a tutti gli effetti la reale prima guida della Scuderia di Stoccarda, con l’inglese ex Williams che ha già 23 punti di margine in classifica che chiude regolarmente davanti al compagno da ben 4 GP consecutivi.

Dunque è il caso di capire cosa ha per la mente Lewis Hamilton e se è vero, come ha detto Ralf Schumacher in un’intervista recente, che la sconfitta con Max Verstappen nella scorsa stagione lo ha segnato a tal punto da renderlo ormai praticamente fuori dai giochi per rientrare in corsa per il vertice.

L’uomo simbolo della Mercedes ha saputo sempre rialzarsi, come in Ungheria nel 2013 o con i due successi sempre a Budapest e a Monaco nel 2009, quando da campione del mondo si trovò in mano una MP4-24 inguidabile e allora forse sarà proprio nel lungo periodo che uscirà fuori ancora il cuore del re ferito.