Covid, il numero dei decessi dopo il vaccino si fa preoccupante: cifre drammatiche

Il numero dei decessi dopo il vaccino anti Covid si fa preoccupante, così come le segnalazioni di reazioni avverse. Ecco gli ultimi dati.

Vaccino-anti-Covid

È trascorso ormai più di un anno da quando il coronavirus è entrato prepotentemente nelle nostre vite, portando con sé delle ripercussioni negative sia dal punto di vista economico che sociale. Al fine di contrastarne la diffusione, infatti, l’esecutivo ha optato per l’adozione di una serie di misure restrittive, che costringono molte famiglie a dover fare continuamente i conti in tasca prima di comprare qualcosa, per via della crisi economica in atto. Per questo motivo il governo ha deciso di adottare una serie di misure a sostegno delle persone maggiormente colpite, come ad esempio quelle approvate con il Decreto Sostegni Bis.

Allo stesso tempo si continua a lavorare su più fronti ed in particolare su quello dei vaccini. Quest’ultimi, messi a disposizione nel giro di pochi mesi, hanno portato con loro anche diversi dubbi. Se da un lato ci sono coloro felici dell’arrivo dei tanto attesi vaccini, dall’altro canto non mancano coloro che continuano a nutrire delle perplessità. Proprio in questo clima di incertezza destano particolare interesse i dati provenienti dalla Svizzera, dove si sono registrate oltre 2944 segnalazioni di reazioni avverse.

Covid, il numero dei decessi dopo il vaccino si fa preoccupante: 97 morti in Svizzera

Sono 2.944 le segnalazioni di sospette reazioni avverse da medicamenti in relazione alle vaccinazioni contro il Covid in Svizzera. A renderlo noto è l’Istituto svizzero per gli agenti terapeutic, Swissmedic, con dati aggiornati al 15 giugno. Dati indubbiamente interessanti, con il numero di decessi che si sta avvicinando a quota 100.

In 97 casi seri le persone sono decedute a differenti intervalli di tempo dalla vaccinazione. Le persone decedute avevano in media 81,1 anni e nella maggior parte dei casi gravi patologie pregresse“, si legge nel rapporto dell’Istituto svizzero per gli agenti terapeutici. In particolare l’istituto sottolinea come in genere i decessi siano sorti, in genere, in seguito ad infezioni, eventi cardiovascolari o malattie polmonari e respiratorie.

Swissmedic sottolinea che al momento non ci sono indicazioni atte a confermare che i due vaccini a mRNA siano all’origine di un aumento dei casi di morte. In Svizzera, ricordiamo, la campagna di vaccinazione contro il Covid è stata avviata nello scorso dicembre, con le autorità locali che hanno autorizzato per l’uso dei vaccini Pfizer/BioNTech e Moderna.