Disastro di Sainz a Spa: il dato che inchioda lo spagnolo

Carlos Sainz non è stato in grado di confermare la Pole Position ottenuta al sabato, per questo motivo ha stabilito un primato molto triste.

La Pole Position ottenuta da Carlos Sainz nel sabato belga era stata comunque molto fittizia e non aveva dato modo di poter sognare più di tanto, anche perché il divario mostrato da Verstappen era davvero molto netto, ma lo spagnolo segna così un record negativo.

Carlos Sainz
Ansa Foto

La stagione della Ferrari era iniziata nel miglior modo possibile, con la speranza di poter tornare a vincere il Mondiale che aveva acceso la speranza di tutti i tifosi della Rossa che non vedevano l’ora di rifarsi dopo anni bui.

Da diverse gare è diventato però sempre più evidente la superiorità tecnica della Red Bull, con la Scuderia austriaca che in Belgio ha disputato una gara dominante dall’inizio alla fine e solo la penalizzazione non ha potuto dare la Pole a Verstappen.

Ad approfittarne è stato un ottimo Carlos Sainz che ha avuto modo di rimanere davanti a Sergio Perez e con una grande partenza è stato anche in grado di mantenere la posizione per diverse tornate, peccato però che la superiorità della vettura dell’Energy Drink è stata netta.

Purtroppo lo spagnolo rompe una grande tradizione favorevole nel tracciato belga, nel quale si è sempre vista l’accoppiata tra Pole Position al sabato e vittoria la domenica, un traguardo che era stato centrato da Verstappen l’anno scorso, seppur nella gara farsa, da Hamilton nel 2020 e da Leclerc nel 2021.

L’ultimo che aveva vinto senza partire dalla Pole Position era stata la Ferrari di Sebastian Vettel nel 2018, con un successo sensazionale che aveva ancora tenute accese le speranze di Mondiale, prima di vederle sfumare a Monza.

In quell’occasione però il tedesco era stato comunque in grado di ottenere il secondo tempo che gli aveva permesso così almeno di partire dalla prima fila, mentre per ritrovare una vittoria non dalle prime due posizioni dobbiamo tornare indietro con la memoria.

Sainz rompe la continuità della doppietta Pole e vittoria

Purtroppo la prestazione di Carlos Sainz ha fatto sprofondare del tutto la Ferrari, con lo spagnolo che non ha potuto davvero fare nulla per contrastare il dominio della grande Red Bull.

Era addirittura dal 2014 che in F1 non vinceva una vettura che non era stata in grado di partire dalla prima fila e anche in quel tempo si trattava di una Red Bull, con un grande Daniel Ricciardo che partì dalla terza fila e dal quinto posto.

Nella lotta serratissima per il titolo Mondiale tra Hamilton e Rosberg fu proprio l’australiano a strappare una grande vittoria nel circuito iconico della Formula 1 e che dunque gli permise ancora di più di elevare le speranze future sul suo conto.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Dunque è stato tristemente Carlos Sainz a rompere le egemonie dei successi dalla prima fil a Spa che durava da ben otto anni, ma non ci sentiamo assolutamente di mettere in croce un pilota che ha davvero fatto il massimo.