Ducati alla carica contro Quartararo: ecco cosa si sono messi in testa

Paolo Ciabatti, d.s. di Ducati Corse, fa un bilancio dopo la vittoria di Pecco Bagnaia a Jerz e sulla giornata di test Irta.

Ducati arriva da vincitrice del GP di Jerez nel lunedì di test ufficiali. Poche le novità a disposizione della Desmosedici GP22 che ha presentato un ampio ventaglio di aggiornamenti già nei test invernali, costringendo gli ingegneri di Borgo Panigale a fare un passo indietro per ritrovare il miglior feeling tra la Rossa e i suoi piloti. Basti pensare che i piloti factory hanno a disposizione due specifiche di motore differenti, con Pecco Bagnaia e Jack Miller che usano una versione ibrida 2021 – 2022.

Pecco Bagnaia (foto Ansa)
Pecco Bagnaia (foto Ansa)

Nella giornata di test sul circuito di Jerez de la Frontera ai box Ducati si lavora soprattutto sui dettagli, mentre novità più consistenti sono a disposizione di Enea Bastianini, che ha a disposizione il nuovo pacchetto aerodinamico della Desmosedici GP22. Un modo per premiare il pilota romagnolo del team Gresini Racing per le due vittorie conquistate in Qatar e Texas. Enea sembra il favorito a salire sulla moto factory nel 2023, nonostante le voci che vorrebbero Jorge Martin e Ducati già ad un accordo.

Ducati pronta alla sfida con Quartararo

A fare il punto della situazione in casa emiliana è il direttore sportivo Paolo Ciabatti. Il pensiero è ancora alla splendida vittoria di domenica, con un Pecco Bagnaia al comando dal 1° al 25° giro, capace di difendersi dagli attacchi di Fabio Quartararo con la sua Yamaha. “E’ stata una vittoria importante, avevamo aperto il Mondiale con la vittoria di Enea Bastianini, ma il team factory era sottotono“, ha spiegato Ciabatti ai microfoni di Sky Sport. “Vincere a Jerez, in una pista non particolarmente favorevole a Ducati, con Pecco che ha fatto una grande gara nonostante i problemi alla spalla, è stato fantastico“.

Adesso Pecco Bagnaia vuole scalare la classifica e andare a prendere il leader Fabio Quartararo distante 33 punti: “Quartararo è davanti, ma abbiamo quello che serve per rendergli la vita difficile“, ha aggiunto Paolo Ciabatti. Sulle vicende di mercato e sul ballottaggio tra Enea Bastianini e Jorge Martin il d.s. resta sul vago e rimanda la decisione alle prossime settimane. “Lavorano entrambi molto bene e Ducati punta su di loro in futuro. Nel team ufficiale c’è una sola sella disponibile, ma vogliamo tenerli entrambi con noi. Una decisione verrà presa entro giugno“.

Per la giornata di test Irta poche le novità per le moto ufficiali. Ogni pilota lavora su dettagli differenti con una tabella di marcia diversificata. Pecco Bagnaia ha completato dopo poco più di una ventina di giri per preservare la spalla ancora dolente dopo la caduta nella Q1 di Portimao. “Miller non ha provato nulla di rivoluzionario. I piloti Pramac stanno facendo un lavoro differente“.