F1, Max Verstappen non molla e provoca Hamilton: ecco cosa ha detto

Il pilota della Red Bull Racing, Max Verstappen, ha rimontato dalla settima alla seconda posizione nel GP del Qatar, conservando la leadership del campionato.

Max Verstappen (Getty Images)
Max Verstappen (Getty Images)

La Red Bull Racing ha limitato i danni alla grande nella ventesima prova del mondiale 2021. Max Verstappen ha commesso un clamoroso peccato di gioventù in qualifica, ma ha poi rimediato in gara. Nell’ultimo tentativo del Q3 ha tenuto il piede sul gas nell’ultimo settore, nonostante le bandiere gialle per il problema di Pierre Gasly. Il pilota olandese è stato penalizzato dalla direzione gara con cinque posizioni sulla griglia di partenza.

Lo scatto al via di Max è stato strepitoso, riuscendo a scavalcare Valtteri Bottas, Carlos Sainz e Lando Norris. L’asso olandese stava per riuscire a sopravanzare anche l’esperto Fernando Alonso che lo ha chiuso con aggressività. Il leader della classifica ha ripreso la sua rimonta, scavalcando agevolmente Pierre Gasly e sverniciando anche lo spagnolo dell’Alpine. In cinque giri Max Verstappen aveva già portato a termine la missione principale, limitando al massimo i punti persi nel confronto con il sette volte campione del mondo inglese.

Lewis Hamilton ha tenuto un ritmo indiavolato, insostenibile per chiunque. Basti pensare che la W12 dell’anglocaraibico ha rifilato un distacco di 30 secondi in 15 giri all’Alpine di Fernando Alonso, terzo alle spalle dei rivali alla corona iridata. Max ha portato a termine la sua corsa senza affanni, riuscendo a cogliere anche il giro più veloce in gara. Il punto addizionale è utile a Max per detenere la leadership della graduatoria mondiale con otto punti di vantaggio su Hamilton.

Red Bull soddisfatta con Max Verstappen

Il team austriaco può essere felice della rimonta dell’olandese, ma una strategia sbagliata ha tolto a Sergio Perez un podio certo. Il messicano aveva rimontato dall’undicesimo al terzo posto, ma un pit stop supplementare ha compromesso le ambizioni del Checo. Il compagno di Max non è riuscito, anche a causa di VSC, a ricucire il gap con Fernando Alonso che è tornato sul podio, sette anni dopo l’ultima volta.

In classifica costruttori la Mercedes ha cinque punti di vantaggio sulla Red Bull Racing. Max Verstappen è riuscito a conservare otto punti su Lewis Hamilton, mentre per la lotta al terzo posto Bottas, nonostante il ritiro di oggi, detiene un vantaggio di tredici punti su Sergio Perez.

Max Verstappen ha spiegato nel post gara: La nostra posizione di partenza comprometteva la gara ma siamo partiti bene. Repentinamente siamo arrivati al secondo posto e il giro più veloce è stato importante”. Il nativo di Hasselt ha voluto sottolineare che, senza penalità, avrebbe potuto insidiare Lewis, ma la sua gara è stata compromessa dalla decisione dei commissari.

LEGGI ANCHE >>> F1, l’Alfa Romeo Racing non perdona: altro attacco a Giovinazzi

“La pista è bella, molto divertente e a livello di degrado con le gomme è andata bene. Mi sento bene, sarà una battaglia serrata fino alla fine”, ha tuonato Max Verstappen.