La FIA e lo strano monito ai piloti di F1: “Non deve succedere in pista”

A poche ore dal via delle prime prove libere dell’Australia, la Federazione Internazionale ha avvisato i protagonisti della F1 di non fare una cosa.

E’ la prima volta che capita nel Circus, o perlomeno, non erano mai state diffuse notifiche del genere. Alla vigilia del terzo round stagionale in programma a Melbourne, la FIA ha inviato una nota a tutti i piloti rammentando loro di non indossare monili.

F1, Lewis Hamilton (ANSA)
Lewis Hamilton (ANSA)

Il neo direttore di gara Niels Wittich si è sentito in dovere di mettere nero su bianco il contenuto dell’articolo 5, del terzo capitolo dell’appendice L del Codice Sportivo Internazionale, onde evitare spiacevoli incidenti.

Questo perché in passato è capitato che driver di altre categorie si presentassero alle varie sessioni con abbigliamento non consono. Nella fattispecie, in Formula E, in occasione dell’ePrix Punta del Este  del 2018, Lucas di Grassi prese 10.000 euro di multa e 3 punti di penalità sulla superlicenza per aver indossato biancheria intima ignifuga eccessivamente corta. O ancora, nella stessa serie e nello stesso anno, a New York, la coppia Techeetah formata da Jean-Eric Vergne e Andre Lotterer venne sanzionata sempre per intimo non conforme.

La FIA spinge per avere più sicurezza sui tracciati di F1

Con l’obiettivo di limitare i danni in caso di un crash importante, il successore di Michael Masi che si sta alternando al timone dell’organo federale con Eduardo Freitas, ha prodotto un documento che, da quanto si apprende, non è di reazione ad un’infrazione.

L’uso di gioielli sotto forma di piercing o catene metalliche al collo è vietato durante la competizione e può quindi essere controllato prima della partenza“, si legge.

Va detto che non si tratta di una novità, dato che i piloti ingioiellati a vario titolo, erano già sanzionabili. Ma, evidentemente la Federazione ha ritenuto opportuno ribadire il concetto.

La norma, estesa anche ai corridori di rally,  è stata scritta nel 2005 e da subito messa in atto.