Da dove vengono le fiches? La storia dei gettoni del poker

Fiches e chips usate nel gioco e conosciutissime nel poker: come mai sono nate e quanti anni hanno, non ve lo aspettate

Fiches da poker (Fonte foto: Pixabay)

Paradossalmente, quelli che sono i “soldi” del gioco, sono conosciuti in tutto il mondo, con dei nomi che sembrano quelli di un certo tipo di cibo britannico. Di fatto, l’assonanza con il piatto tipico inglese, fish and chips, è clamorosa se si pensa che i gettoni del poker, vengono dette proprio fiches o chips. Eppure quei nominativi, non c’entrano nulla con le tavole inglesi, anzi, proprio nulla col cibo, ma conoscete la loro storia?

Quelle che chiamiamo fiches, sono di fatto molto “giovani”, nascendo diversi anni dopo il gioco d’azzardo. I primi prototipi di gettoni usati per il gioco, risalirebbero, secondo le testimonianze a soli 200 anni fa circa. Infatti fino a pochissimi anni fa, quindi prima della loro invenzione, il gioco avveniva attraverso qualcosa di meno elegante da vedere. Si arrivava sul posto e si giocava con soldi veri o addirittura oggetti di valore posseduti. Un po’ come quando vediamo i film dei pirati.

LEGGI ANCHE>>> Il set da poker da 7,5 milioni : diamanti, oro bianco e pelle di alligatore

Con la nascita poi dei punti di scommesse, casinò e tanto altro, regolarizzato, si è data una svolta. Si avvicinava quindi un metodo simile alle monetine, ma con colori che potessero essere diversi tra loro per regolarne i differenti valori, un po’ come la carta moneta di diversi Paesi (vedi l’euro). Prima, si usavano materiali come osso di animale o avorio, sostituiti poi dalla plastica, che fuori dalla portata dei casinò non ha effettivo valore. Sembra incredibile, ma anche le fiches vengono rubate, è successo per esempio a Sanremo, ma è tutto inutile. Questo perché tutte le chips hanno numeri di serie e le più moderne, anche dei chip all’interno. Quindi, altrove non sono utilizzabili.

LEGGI ANCHE>>> La storia del poker: dai battelli sul Mississippi fino alle room online

Il tutto facilita, come ovvio che sia, la non circolazione delle vere, effettive monete. Per il giocatore, basta andare con le proprie fiches alla cassa, per farsele cambiare in soldi reali. Un procedimento quanto mai facile. Ma da dove viene la differenza tra le parole chips e fiches? Semplicemente, il primo termine, britannico, deriva dalle monete usate per il gioco del Poker. Quello francese, è un termine che invece deriva da tavoli come blackjack e roulette.