Finti disabili scoperti dai carabinieri: l’ignobile truffa

Tre finti disabili fermati dai carabinieri: attraverso il loro finto handicap, chiedevano offerte ai passanti

Carabinieri (Fonte foto: web)

Una truffa abbastanza facile da mettere a segno, basta essere buoni attori. I carabinieri hanno scoperto tre disonesti a Menaggio, vicino Como, che si servivano di una disabilità di cui realmente soffrono in tanti, per guadagnare soldi senza sforzi.

Indossavano delle semplici shirts e dei jeans, e fingendo di essere sordomuti, avvicinandosi alle persone di passaggio per strada. Fingendo appunto di non riuscire a comunicare, mostravano loro un cartello con la bandiera italiana e il simbolo dei disabili.

In quel modo, chiedevano praticamente delle piccole offerte, per la costruzione di un centro per disabili, non udenti e bambini poveri. La compassione dei passanti, si tramutava così in offerte che se sommate, facevano comodo ai tre finti sordomuti. Peccato però, che commettere azioni del genere, corrisponde assolutamente ad una truffa.

LEGGI ANCHE>>> Ferrara: poker in una sala privata, interviene la polizia

I carabinieri della Stazione di Menaggio, hanno arrestato quindi tre persone, sono tutti di origini rumene e stanno bene. Tutto è nato per puro caso. I tanti passanti non si sono mai insospettiti, ma pochi giorni fa, il comandante dei carabinieri fuori servizio, aveva notato qualcosa di strano, avvicinando i tre e facendosi coadiuvare dal comandante della polizia locale. Stranamente, i tre alla parola “Carabinieri”, sembravano assolutamente capaci di parlare e farsi capire.

I truffatori, erano anche muniti di regolare cartellina con moduli di raccolta del denaro, per sembrare ancor più credibili agli occhi dei poveri truffati. Tutto il materiale è stato ora sequestrato ed i tre finti disabili, denunciati a piede libero.

Adesso, gli uomini delle forze armate indagano sull’intero territorio, per essere sicuri che nella zona di Menaggio, non ci siano altri gruppi ancora non individuati, di finti disabili. In genere infatti sono più gruppetti a perpretare truffe del genere, dividendosi in varie aree dei territori.