Claromosa partenza di Giovinazzi in Turchia, che rimonta!

Grande scatto di Antonio Giovinazzi che ha recuperato numerose posizioni con l’Alfa Romeo Racing. Ecco come sta andando.
Giovinazzi (GettyImages)
Giovinazzi (GettyImages)

Antonio Giovinazzi è uno dei protagonisti della partenza del Gran Premio di Turchia. Il pilota italiano, a bordo dell’Alfa Romeo Racing, ha subito riscattato una qualifica deludente. Il pugliese scattava dal fondo della griglia, ed ha sfruttato alla grande l’umido per prendersi alcune posizioni.

Il #99 sta ora girando in tredicesima posizione, davanti al compagno di squadra Kimi Raikkonen. Il ritmo gara delle Alfa non sembra essere troppo malvagio, probabilmente grazie all’abilità dei piloti che riescono a nascondere le magagne della monoposto. Antonio ha anche cercato di difendersi da Carlos Sainz, ma il passo della Ferrari è di un’altra categoria per l’italiano.

Giovinazzi, il futuro si decide da queste gare

Ricordiamo che Antonio Giovinazzi è no dei piloti più a rischio per il futuro. Il team di Himwil andrà a sostituire Raikkonen con Valtteri Bottas per il prossimo anno, mentre sulla seconda vettura non è ancora chiaro chi salirà a bordo. L’idea è quella di portare nel team Theo Pourchaire ma dal 2023, mentre sembra scartata l’ipotesi di Guanyu Zhou.

Il cinese, attualmente in seconda posizione in F2, vorrebbe un contratto plurienale, che la squadra svizzera non vuole concedergli. L’alternativa ad un altro anno per Antonio sembrerebbe quella di Oscar Piastri, leader della classifica nella categoria cadetta. Ma le novità arriveranno nelle prossime settimane.

LEGGI ANCHE >>> F1, terremoto in Alfa Romeo: ecco il futuro del team

Le trattative potrebbero essere modificate dall’arrivo di Michael Andretti, che vorrebbe acquisire la quote di maggioranza della squadra. Sarebbe un aiuto notevole per la Sauber, che da troppi anni è scesa nell’anonimato dopo la grande stagione svolta nel 2018 da Charles Leclerc. Va comunque detto che Antonio meriterebbe un’altra buona possibilità, visto che non gli è mai stato permesso di avere una monoposto competitiva.