Un caffè ed un Gratta e Vinci prima di lavorare: vince 100mila dollari

Pausa prima del lavoro e quasi era andato via, poi ha deciso di concedersi l’ultimo Gratta e Vinci: tutta la storia

Dollari vinti (Fonte foto: Pixabay)

Era una giornata come tutte le altre, per Leonard Burch, che prendeva il suo solito caffè e si concedeva un Gratta e Vinci, prima di recarsi al lavoro. L’appaltatore meccanico americano si prendeva la sua pausa prima di inizare la giornata, alla Highland Creek BP su Ridge Road, nella città di Charlotte.

Da quanto racconta Leonard, aveva anche terminato la sua pausa e stava per andar via, quando ha deciso di fare un ultimo tentativo al gioco, prima di lasciar perdere. Comprato un biglietto della Ultimate 7 da 20 dollari, si è ritrovato a vincerne 100.000.

LEGGI ANCHE>>> Superenalotto: anziana donna gioca per curiosità, la vincita è incredibile

Al ritiro del suo premio presso la sede della lotteria di Raleigh, Burch ha commentato: “Mi sentivo che stavolta avrei grattato il biglietto vincente”. Dopo aver regolato i conti con ricevute fiscali sia federali che statali, il giocatore ha subito incassato 70.756 dollari, che per sua ammissione, al momento non saprebbe in che modo spendere. Burch, ha concluso il tutto con un semplice: “Mi sento bene, ho vinto”.

LEGGI ANCHE>>> Lotto, in provincia di Lecco la vincita che non ti aspetti: i 3 numeri magici

Lo statunitense è solo l’ultimo dei tantissimi vincitori di cifre davvero ragguardevoli, che presi alla sprovvista dalla bella notizia, dicono di non sapere realmente in che modo spendere tutti quei soldi. Molte volte infatti, ci vediamo così lontani dall’essere proprio noi i prossimi vincitori, che neanche facciamo progetti, quando giochiamo.

Ultimate 7 è un gioco lanciato da poco, nato a maggio e che si prefigge ben quattro premi proncipali da 2 milioni, più otto da 100.000 dollari. I due premi maggiori sono ancora in palio, mentre degli otto minori ne restano cinque. La vendita di questi Gratta e Vinci, è finalizzata all’uso dei soldi guadagnati, messi a disposizione dell’istruzione.