Calciomercato Juventus: il retroscena su Ihattaren, tifosi imbufaliti sui social

Il talento marocchino Lhattaren, dal Psv Eindhoven, approda ufficialmente alla Samp via Juventus. Probabilmente in Italia, e forse anche nel mondo, sicuramente di recente in casa bianconera, domina il “fattore Mino Raiola”.

Lhattaren (instagram)
Lhattaren (instagram)

Il talento marocchino Lhattaren alla Samp: riecco un uomo della scuderia Raiola

Chiamatelo pure così: sta di fatto che quello che tocca, il Re Mida dei procuratori, diventa oro. Quello che vuole ottiene. Che sia il Paperon de Paperoni dei procuratori non c’è dubbio alcuno. Che le indovini tutte non è scritto da nessuna parte, è una legge del calcio. Fare affari con lui potrebbe voler dire però in alcuni casi…che gli affari li fa prima di tutto lui.

Il talento marocchino Lhattaren alla Samp: lui che muove i fili del mercato, lui che tutto vede e tutto può…

Gestisce grandi campioni, e anche grandi giovani talenti del calcio continentale. Difficile che sbagli previsione per carità, il meglio del meglio fa parte della sua scuderia. Pero, nella situazione che vi stiamo per raccontare, il punto di domanda è: in questo momento era così urgente questo affare per la Juventus? La risposta consiste proprio nel “fattore Raiola”. Credibilità alle stelle, quando apre bocca tutti lo ascoltano, lui muove i fili del mercato, gli altri spesso sono burattini.

Trequartista di talento, ma andrà alla Samp. Tifosi inviperiti…per l’ennesimo colpo “pilotato”

Ed ecco che alla Juve approda il marocchino del Psv, Mohamed Lhattaren. Classe 2002, piedi fatati, grandissime prospettive per lui. Trequrtista veloce, vede anche la porta. Per ora però non vestirà la maglia bianconera ma finirà in prestito alla Sampdoria. La Juve ha ben altri problemi da risolvere che mettere in squadra diamanti grezzi da svezzare. Non c’è tempo e in questo senso si è già rischiato molto con Caio Jorge.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Torino: show di Cairo, un colpo dietro l’altro

Un solo punto in due partite. I tifosi sono inviperiti. Ma Raiola la sua mano sulla Juve l’aveva già posata da tempo. Moise Keane è infatti un altro uomo portato dal procuratore campano. In men che non si dica, Raiola ha deciso e Raiola ha ottenuto. Onnipresente. I migliori li ha lui nelle mani come negarlo. Come al Monopoli quando hai le strade migliori. Passi e paghi. E Raiola a incassare è il numero uno!