Mick Schumacher, l’obiettivo esalta i tifosi: imiterà le gesta del padre?

Il giovane Mick Schumacher ha iniziato la sua seconda stagione in F1. Il figlio del grande Michael non ha dubbi sul suo potenziale.

La carriera di Mick Schumacher in F1 è appena cominciata, e finalmente sembra poter disporre di una monoposto competitiva. La Haas dello scorso anno era una sorta di chicane mobile, che veniva ripetutamente doppiata dagli avversari. La motivazione risiede nel fatto che la squadra di Gunther Steiner aveva deciso di concentrare tutte le proprie risorse nella VF-22, e giudicando i primi due appuntamenti si è rivelata una scelta azzeccata.

Mick Schumacher (ANSA)
Mick Schumacher (ANSA)

Grazie anche all’ottima power unit Ferrari, la nuova monoposto del team statunitense ma con telaio Dallara ha terminato a punti sia in Bahrain che in Arabia Saudita, grazie al rientrante Kevin Magnussen. Il danese ha centrato uno strabiliante ottavo posto a Sakhir, per poi giungere nono in quel di Jeddah.

Dal canto suo, Mick Schumacher è ancora fermo a quota zero, a causa di errori ed episodi sfortunati. Nella tappa inaugurale è stato vittima di un contatto al primo giro che lo ha fatto precipitare nelle ultime posizioni, per poi concludere undicesimo dopo una buona rimonta. A Jeddah invece, un terrificante incidente in qualifica lo ha costretto a saltare la gara, dopo aver danneggiato pesantemente la propria monoposto ed essere stato portato in ospedale per degli accertamenti.

Fortunatamente, il figlio del Kaiser di Kerpen se l’è cavata con un grande spavento, ma in Australia dovrà evitare altri errori. Mick è ancora all’inseguimento dei primi punti in carriera, con la Haas che si ritrova finalmente una monoposto competitiva ed in grado di puntare alla top ten con costanza.

Il team principal Steiner non si è nascosto negli ultimi giorni, affermando che la sua squadra può sperare di lottare nel gruppo di mezzo per gran parte della stagione. Secondo il manager altoatesino, gli sviluppi saranno mirati e verranno portati ad ogni gara, con la consapevolezza che c’è un Budget Cap da rispettare.

Mick Schumacher, l’obiettivo futuro è il titolo mondiale

Mick Schumacher sogna la Ferrari, ma per quello c’è ancora molto tempo da attendere. Charles Leclerc è blindato a Maranello almeno fino alla fine del 2024, ed a breve anche Carlos Sainz potrebbe rinnovare sino a quella data. Nonostante ciò, il giovane tedesco non si perde d’animo, ed in un’intervista concessa a “RacingNews365” ha chiarito i propri obiettivi futuri.

Abbiamo fatto un passo nella giusta direzione quest’anno e tutti nella squadra sono felici ed entusiasti. C’è speranza all’interno del team e tutti sono pronti a competere a centro gruppo. Abbiamo fatto progressi a tutti i livelli. L’anno scorso sapevamo che sarebbe stato difficile, la macchina era molto difficile da guidare, ma ora è tutto molto più facile. Questo è molto positivo“.

Mick Schumacher ha aggiunto: “I miei obiettivi possono cambiare ogni giorno. Non c’è davvero nessun piano, se non quello di guidare molto veloce. Questo è l’obiettivo: farlo bene, in ogni modo possibile, così da potermi presentare ai top team per puntare a vincere il titolo mondiale. A quel punto, potrò pensare di sognare in grande e giocarmela con i migliori del lotto“.

Riguardo a Kevin Magnussen, Mick ha dichiarato: “Kevin ed io siamo in costante contatto. È molto maturo e direi la medesima cosa di me stesso. Sta molto bene assieme a me ed alla squadra. Speriamo che insieme possiamo dare buoni riscontri e rendere la squadra ancora migliore. Batterlo è una grande sfida per me. Vuoi dimostrare di essere bravo e poi il primo compito è battere il tuo compagno di squadra. Quindi questo è il mio obiettivo ed è chiaro a tutti. Siamo finalmente competitivi e vogliamo migliorarci ogni giorno“.