Quartararo, messaggio diretto alla Yamaha: parole pesantissime

Quartararo sprona la Yamaha a migliorare: la situazione attuale non lo soddisfa e in ottica rinnova si aspetta delle mosse da Iwata.

La vittoria del titolo MotoGP 2021 aveva rappresentato una grande gioia, ma già al termine del campionato Fabio Quartararo aveva espresso alcune perplessità sulla Yamaha. L’andamento di questa stagione gli sta dando ragione.

Fabio Quartararo
Fabio Quartararo (Ansa Foto)

Nell’ultimo test a Jerez si era detto scontento della M1, che di fatto non presentava particolari novità rispetto alla versione precedente. Aveva chiesto specifici miglioramenti per il 2022, ma non è stato accontentato. Per avere più velocità, accelerazione e grip al posteriore servivano interventi che non sono stati fatti.

Il pilota francese ha più volte dichiarato di essere deluso della situazione tecnica nella quale si è ritrovato. Avendo vinto un Mondiale, sperava di avere meno difficoltà a lottare per confermarsi campione. Invece vede una concorrenza migliorata più della Yamaha, che di passi avanti sostanzialmente non ne ha fatti granché.

MotoGP, Quartararo chiede aggiornamenti a Yamaha

In questo fine settimana la MotoGP va in scena a Portimao, dove un anno fa Quartararo aveva vinto con del margine su Francesco Bagnaia. Il suo obiettivo è quello di ritornare sul podio. La pista del Portogallo presenta solo un lungo rettilineo e dunque la Yamaha non dovrebbe soffrire troppo i limiti di motore presenti.

Il francese spera che dall’Algarve possa iniziare un campionato migliore e lancia un messaggio anche al suo team: “Se vogliamo lottare per il campionato – riporta Motorsport.comnon sono ammessi sbagli. Non possiamo più permetterci errori, in questo circuito dobbiamo tornare sul podio”.

Per Portimao le aspettative sono elevate. E, a proposito di aspettative, Quartararo auspica che Yamaha porti degli aggiornamenti al più presto per migliorare la competitività della sua M1: “Spero che ne avremo presto, però non ho informazioni ora. Ne abbiamo bisogno, anche perché suona ridicolo che io da campione in carica sia felice del settimo posto di Austin”.

La casa di Iwata deve impegnarsi, anche perché in ballo c’è pure il rinnovo del contratto del rider francese. Lui si aspetta dei segnali per poter firmare un prolungamento, altrimenti valuterà altre opzioni. Il suo manager Eric Mahé ha già ricevuto delle richieste e qualsiasi scenario appare possibile.