Come riscuotere un Gratta e Vinci? Il percorso dopo la vincita

Vincere con una Gratta e Vinci e una soddisfazione non da poco. Ma qual è il percorso da fare per riscuotere la vincita?

Il Gratta e Vinci è senza alcun dubbio un gioco molto conosciuto, molto probabilmente perché semplice e divertente. Il meccanismo permette, grattando i simboli presenti sul biglietto, di vincere premi immediati in denaro. E le vincite possono essere anche discretamente importanti. Ma che cos’altro si può dire e a raccontare? Giusto entrare nello specifico e nel dettaglio di una questione che incuriosisce.

riscuotere gratta e vinci
(Fonte Foto: Ansa)

In primis va sottolineato come Gratta e Vinci classico è il marchio che identifica le lotterie nazionali ad estrazione istantanea ed è l’unica lotteria istantanea autorizzata a pagare premi in denaro. E, a proposito di pagamenti, qual è il percorso da fare per riscuotere una vincita? Rispondere porta a spiegare alcune cose che forse in molti non sanno. E non resta dunque che analizzare il tutto, tappa dopo tappa.

Vincere con un Gratta e vinci, ecco come riscuotere: i dettagli

Innanzitutto va detto che non sono previste tempistiche specifiche per il ritiro dei premi di lotterie istantanee attive, a meno che il tipo di Gratta e Vinci acquistato fosse rimosso dal mercato. A normare quest’aspetto è comunque l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Entrando maggiormente nel dettaglio, per riscuotere il proprio premio, il giocatore ha 45 giorni di tempo dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’avviso di cessazione della Lotteria. Cosa succede e accade una volta scaduto questo periodo? Molto semplicemente il biglietto vincente non è più considerato valido.

La seconda tappa di questo percorso coincide con il fatto che è necessario conoscere i luoghi fisici dove è possibile riscuotere la propria vincita e le modalità di pagamento messe a disposizione. Ci sono delle differenze in base all’entità e alla quantità dell’importo vinto dal giocatore. Nel caso di vincite di fascia bassa, ossia inferiore o pari a 500 euro, è possibile farlo presso un qualsiasi punto vendita autorizzato. Infatti è sufficiente presentare il tagliando vincente per mettere fine alla procedura. Nel caso invece di vincite di fascia media, ossia fino a 10milaeuro, esistono tre modalità di pagamento: Assegno circolare presso un’agenzia di Banca Intesa Sanpaolo S.p.A, Bonifico bancario o Bonifico postale. Infine, in caso di vincita superiore a 10mila euro, la procedura è molto più complessa. A  occuparsene è difatti l”Ufficio premi Lotterie Nazionali s.r.l. sito in Viale del Campo Boario 56/D a Roma. In alternativa ci si può comunque rivolgere presso gli sportelli di Banca Intesa Sanpaolo S.p.A, che provvede esclusivamente al ritiro del biglietto e al suo inoltro all’Ufficio premi Lotterie Nazionali s.r.l., rilasciando al giocatore l’apposita ricevuta. Le modalità di pagamento sono le stesse delle vinccite di fascia media, ma va ricordato che, dal 1° marzo 2020 il ritiro di premi superiori a 500€ prevede una trattenuta del 20%.