La truffa del monopattino: non immaginate quante volte lo hanno venduto

Attende un monopattino che non gli arriva mai a casa e scopre la truffa: due uomini lo hanno venduto diverse volte

Monopattino (Fonte foto: web)

Purtroppo quando acquistiamo qualsiasi cosa, è giusto farci prendere almeno da una leggerissima preoccupazione, perché la truffa è davvero sempre dietro l’angolo. A volte giudichiamo un parente o un amico come troppo diffidente, eppure, ecco la nuova storia di una strana cessione.

Un ragazzo che ha acquistato un monopattino via web infatti, ha scoperto sul conto del nuovo mezzo, qualcosa di abbastanza strano. Il suo nuovo monopattino, era tutt’altro che nuovo in realtà, anzi, era stato venduto già 300 volte.

LEGGI ANCHE>>> Truffa in corso, massima attenzione: se rispondi perdi tutti i soldi

Certo, i monopattini non hanno targhe come le auto e forse la loro vendita non sempre è registrata, eppure qui l’acquirente se ne è accorto. La denuncia, è partita da un cinquantasettenne residente ad Alatri, in provincia di Frosinone. L’uomo, aveva pagato 250 euro tramite PostePay al venditore. Una particolarità però, ha aiutato il compratore laziale a capire che quella era una truffa. Andando a controllare su Subito.it, infatti, si è accorto che la foto del monopattino comprato, non veniva cancellata. Insomma il prodotto, veniva dato ancora per vendibile.

LEGGI ANCHE>>> Cashback, ancora allarme furbetti: 48 transazioni per la benzina

Dopo un po’ di attesa, in cui continuava a non arrivare nessun pacco a casa, l’uomo ha realizzato di esser stato truffato. I colpevoli, sembrano essere un rumeno ed un calabrese, che vivono a Reggio Calabria. L’uomo di origini straniere però, ha detto di aver perso la PostePay e che qualcuno dopo averla ritrovata, l’avrebbe usata per mettere a segno diverse truffe. Sarà il giudice monocratico del tribunale di Frosinone a decidere se quella, fosse o meno una ricostruzione credibile. Ad ogni modo, l’oggetto fa capo a ben 300 vendite, ed il calabrese indagato con l’uomo originario della Romania, è già noto alle forze dell’ordine, essendo un pluripregiudicato.