Valentino Rossi, quanto perde la MotoGP senza di lui? Cifra folle

Il fine settimana di Misano sta entrando nel vivo e Valentino Rossi si avvicina al ritiro. Ecco quanto perderà il Motomondiale.

Valentino Rossi (GettyImages)
Valentino Rossi (GettyImages)

Il pilota più amato, quello che maggiormente ha segnato il Motomondiale a cavallo tra anni Novanta e primo decennio del nuovo millennio sta per dire addio. Valentino Rossi è entrato nel week-end di Misano, dove oggi si disputeranno la prima e la seconda sessione di prove libere del Gran Premio dell’Emilia Romagna, per salutare tutti i suoi tifosi. La gente che lo ha amato e idolatrato per un quarto di secolo si è riunita per dirgli addio.

Il canale tematico Sky Sport MotoGP ha dedicato al “Dottore” tutta la giornata di giovedì, interpellando tutti i grandi rivali del passato come Max Biaggi, Jorge Lorenzo e Paolo Tessari, ma anche familiari, amici ed addetti ai lavori che ne hanno scovato l’enorme talento. L’intervista con Guido Meda ha rivelato tanti segreti del pilota di Tavullia, che ha confessato che se fosse stato ancora competitivo, avrebbe proseguito.

La terribile stagione 2021 disputata con il team Petronas lo ha convinto, invece, ad appendere il casco al chiodo, come già annunciato nel corso del week-end dell’Austria al Red Bull Ring. Nonostante le prestazioni che non erano più quelle di una volta, una persona come Valentino Rossi sarà impossibile da sostituire. Sia dal punto di vista del pilota che da quello umano.

Il confronto di giovedì con il giornalista milanese Guido Meda ci ha mostrato nuovamente la genuinità di questo personaggio, che, nonostante la precoce notorietà che lo accompagna da quando ha 17 anni, non ha mai perso le sue caratteristiche fondamentali. E quei nove titoli mondiali vinti non lo hanno cambiato come si poteva pensare.

Valentino Rossi, il suo ritiro un danno per Dorna e TV

Come ben sappiamo, Valentino Rossi è il pilota più amato della MotoGP, ma non solo in Italia. Sui tracciati di tutto il mondo, i suoi sostenitori riempivano le tribune colorandole di giallo, un pò come quello che sta succedendo in F1 con Max Verstappen e la marea arancione che lo segue constantemente. Ma lui, di mondiali, deve ancora iniziare a vincerne.

Va considerato, oltre chiaramente ai biglietti venduti, anche tutto ciò che gira attorno a questo personaggio, ovvero il merchandising, che da anni va a ruba in tutto il globo. Stando alle stime, il giro d’affari che riguarda Valentino anche grazie agli sponsor è pari quasi a 90 milioni di euro a stagione, e ad ogni appuntamento del Motomondiale vengono incassati circa 10 mila euro solo grazie agli acquisti dei suoi tifosi.

Per quanto riguarda la televisione, Sky ottenne i diritti televisivi nel lontano 2014 da Mediaset per 17 milioni di euro. Va considerato che quasi tutti, in Italia, seguono la MotoGP proprio per sostenere il campione di Tavullia, per cui, anche per dei colossi mondiali come quello di Rupert Murdoch, la perdita sarà enorme.

Con la pandemia, la Dorna aveva perso circa 94 milioni di euro a causa delle gare disputate a porte chiuse, e le stime parlano di un buon 30% di introiti che verranno meno a causa del ritiro di Valentino Rossi. Come era facile intuire, quasi la metà dell’interesse per il Motomondiale era legato al “Dottore”, che nonostante l’avanzare dell’età è sempre risultato il più amato.

LEGGI ANCHE >>> Il dramma di Marco Simoncelli: il terribile racconto della fidanzata

Stando ad un ulteriore dato, reso noto del dicembre 2020, Valentino è risultato lo sportivo italiano più seguito sui social con quasi 30 milioni di seguaci, allungando nettamente su altri atleti nostri connazionali. In conclusione, si può tranquillamente affermare che il suo addio al mondo delle moto sarà una perdita senza precedenti, sia dal punto di vista affettivo che da quello economico. E rimpiazzarlo sarà un miraggio.