Verstappen, nessuno come lui nel 2021: statistica incredibile

Max Verstappen è in testa al mondiale con un margine di 6 punti su Lewis Hamilton. L’olandese detiene un primato pazzesco.
Verstappen (GettyImages)
Verstappen (GettyImages)

Il mondiale 2021 di Max Verstappen è stato, sin qui, davvero eccellente. L’olandese arriva agli ultimi sei appuntamenti da leader del mondiale piloti, con 262,5 punti contro i 256,5 di Lewis Hamilton. Sei lunghezze separano i due super favoriti, un margine davvero esiguo dopo tutti questi GP disputati. L’equilibrio sembra davvero non volersi rompere.

Per l’olandese sono arrivate ben sette affermazioni, contro le cinque del rivale. La Red Bull ha svolto un lavoro impressionante durante l’inverno, sfruttando al meglio la novità regolamentare dei fondi che ha favorito monoposto con un rake piuttosto estremo. La RB16B, a prima vista, sembrava un copia e incolla con la monoposto 2020, ma il risultato è del tutto diverso.

La Mercedes ha perso tutto il vantaggio mostrato nella passata stagione, anche se la W12, da Silverstone in poi, ha decisamente rialzato la testa. Il cambio nella costruzione delle gomme ha cambiato tutte le carte in tavola, e la freccia nera ha ritrovato anche una superiorità motoristica che sembrava persa a vantaggio della Honda.

Ciò non toglie nulla all’annata di Verstappen, che avrebbe potuto avere un margine molto più ampio su Hamilton: ci sarebbe da piangere nel suo team pensando allo scoppio della posteriore sinistra a Baku, quando Max era in testa a tre giri dalla fine. A Silverstone, nel duello all’ultimo sangue con Lewis, l’olandese ha avuto la peggio finendo a muro, mentre il rivale ha portato a casa il successo nonostante la penalità di dieci secondi.

La sfortuna non si è dimenticata di lui neanche in Ungheria, dove è stato tamponato da Valtteri Bottas alla prima curva sul bagnato. In quell’occasione, il figlio di Jos è riuscito a proseguire la corsa, ma con una vettura distrutta al retrotreno non ha potuto fare meglio di un misero decimo posto.

Il concetto sconosciuto al giovane Max è sicuramente quello di arrendersi, ed infatti, è stato ben lungi dal farlo. Dopo la pausa estiva ha trionfato in Belgio (dove praticamente non si è corso per la pioggia), ed in Olanda, dove è tornato in testa al campionato. L’incidente con Hamilton a Monza ha fatto molto discutere, ed in quell’occasione nessuno ne ha approfittato visto il ritiro di entrambi.

Verstappen, il primato che spaventa gli avversari

Max Verstappen è stato in grado di dominare numerose gare, anche se molte di queste gli sono poi sfuggite a causa della sfortuna. Il #33 ha condotto ben 469 giri in stagione, sui 934 totali. Questo significa che ne ha comandati quattro in più di tutti gli avversari messi insieme, una cosa che raramente si è vista in passato.

LEGGI ANCHE >>> L’ex F1 incorona Bottas: ecco perchè il finlandese è al top

Le Mercedes, le McLaren, le Ferrari, le Alpine e Sebastian Vettel non sono bastati per fare meglio di Max, che con questo dato conferma lo strapotere che avrebbe potuto imporre sul mondiale 2021. Al termine della stagione sono rimaste ancora molte gare, ma la sensazione è che la favorita sia tornata la Stella a tre punte. Max sembra essere più tranquillo di Lewis, consapevole che vincere un mondiale in questa era della F1 significherebbe fare la storia.