Wolff fa il tifo per la Ferrari? Sentite cosa si è lasciato sfuggire

Ce la farà la Ferrari a non far scappare definitivamente la Red Bull? Sono in molti a chiederselo. Per Wolff è una speranza.

Se guardiamo all’avvio di stagione, la Ferrari sembrava poter vincere a mani basse il Mondiale, spezzando così un digiuno partito nel 2007, per i piloti, dopo l’ultimo sigillo di Kimi Raikkonen, e nel 2008 per quanto concerne i costruttori. E invece il tempo di un amen e tutto è tornato come prima. Sebbene sia sbagliato dare il titolo per perso, che sia nell’una o nell’altra classifica, l’obiettivo è certamente più lontano. Meno alla portata.

Charles Leclerc, Ferrari (Ansa Foto)
Charles Leclerc, Ferrari (Ansa Foto)

A dircelo sono i freddi numeri: 304 punti per la Red Bull contro i 228 della Rossa, e 175 lunghezze per Verstappen contro le 226 di Leclerc.

Wolff si augura il rilancio della Ferrari

I frequenti errori di Charles e di Carlos Sainz, nonché un’affidabilità in declino che sta spaventando pure i team clienti di Maranello, hanno evidentemente influenzato l’andamento dell’equipe italiana, oggi in affanno nonostante una F1-75 nel complesso competitiva e veloce.

Dispiaciuto per questo crollo delle prestazioni si è detto il boss Mercedes Toto Wolff che, un po’ per sana sete di vendetta dopo quanto avvenuto nel 2021, e un po’ per marketing, vorrebbe vedere la Ferrari lottare alla pari con la squadra di Milton Keynes.

La capacità di collezionare successi e doppiette degli austriaci, potrebbe infatti addormentare il campionato prima del tempo e portare alla conseguente diminuzione delle vendite dei biglietti. In fin dei conti chi sarebbe pronto a sborsare centinaia di euro per assistere al nulla?

“Sarebbe bello se il monegasco tornasse a giocarsela davanti”, ha affermato il manager viennese a  Motorsport-Total.com. “Sarebbe ottimo per la F1, ma al momento sono un po’ in difficoltà. Sarebbe inoltre meglio tenere viva la battaglia iridata fino ad Abu Dhabi, anziché vederla chiudersi già a settembre“, ha infine considerato, dimenticando che la sua Stella, ha ammazzato la serie dal 2014 al 2020, dominando la disciplina senza possibilità di replica da parte dei competitor, troppo lontani dal potenziale enorme delle sorelle maggiori della W13.