Binotto, parole incredibili su Netflix: tifosi senza parole

La Ferrari si piega al nuovo Circus a trazione americana dove tutto è spettacolo. Per Binotto anche la serie tv è un plus positivo.

La F1 è pronta a sbarcare in Florida. Il tanto atteso primo appuntamento della storia moderna dello sport in quel di Miami è finalmente realtà. Fra pochi giorni comincerà l’azione su un circuito che di annuncia essere garanzia di azione di sorpassi.

Mattia Binotto (Ansa Foto)
Mattia Binotto (Ansa Foto)

Chissà se per ingraziarsi l’ambiente o perché ci crede davvero il team principal della Ferrari  Mattia Binotto ha avuto parole di grande esaltazione per quanto sta facendo Liberty Media. Da quando l’ente a stelle e strisce è subentrato al tradizionalista Bernie Ecclestone la classe regina dell’automobilismo si è espansa guadagnando un pubblico che sembrava perso, specialmente nella fascia d’età più giovane.

Attualmente stiamo andando piuttosto bene sia in termini di sponsor, sia di nuovi Paesi che vogliono entrare nel calendario. E’ un momento grandioso per noi“, ha affermato soddisfatto anche delle battaglie regalate dalla pista grazie al nuovo regolamento che ha riportato in auge l’effetto suolo.

Binotto rende merito alla Tv per il rilancio della F1

A differenza di molte altre discipline il Circus non ha patito particolarmente neppure il Covid. Infatti mentre tutti erano fermi i vertici della serie sono stati capaci di organizzare 17 GP. Lo stesso dicasi per il 2021 quando, nonostante la situazione fosse ancora delicata, di corse se ne sono disputate 20.

Penso che questo sia positivo“, ha proseguito l’ingegnere italo-svizzero. “I social media, i broadcaster e Netflix stanno dando un ottimo feedback“.

Contento del ritorno marketing anche il responsabile motorsport della Pirelli Mario Isola. Nella fattispecie l’aumento degli eventi negli States sta aiutando molto il produttore milanese che, per la verità, nella zona è già da tempo molto forte.

Prima dell’inizio della vera e propria competizione la città sarà animata da manifestazioni di promozione. Qualcosa di molto atteso da tutti. “Noi come Alpha Tauri saremo impegnati quasi ogni giorno in avvicinamento al fine settimana“, ha commentato il boss Franz Tost, lieto per questo boom di popolarità delle ruote scoperte.

Con l’ingresso di un proprietario statunitense la F1 si è avvicinata molto a quel mercato. Miami è il quarto round nel Nuovo Continente dopo Texas, Messico e Brasile. Come noto nel 2023 farà il suo esordio il Nevada, con un GP nella scintillante Las Vegas che si appresta ad essere uno dei round più seguiti in assoluto. Se nuove sedi arrivano, altre storiche rischiano di uscire di scena. Ad oggi tra i GP in bilico figura pure Montecarlo.