Terremoto calcio: le operazioni illecite delle società sportive

Calcio, le indagini che mettono a rischio il futuro di diverse società, operazioni illecite e false sponsorizzazioni: cosa succede.

Soldi nel calcio (Fonte foto: web)

Un mondo che spesso si ritrova nella bufera è quello del calcio. Soldi, tantissimi, che girano e talvolta anche in modo non del tutto legale. Un’indagine che va dal 2016 al 2020, riportata da Il Sole 24 Ore, parla di operazioni quanto meno sospette, per 593,5 milioni di euro. Tra sponsor, distrazione di fondi ed altre false operazioni, le società hanno spostato montagne di soldi in modo illegale.

E poi ci si meraviglia quando calciatori, ma anche procuratori, portano a casa fior di milioni, come Mino Raiola, che non guadagna però solo con lo sport. Ad ogni modo è stato aperto un vero e proprio dossier che ora preoccupa moltissime società di calcio, con tanto di indagini intrecciate della Guardia di Finanza, sul riciclaggio del denaro sporco.

Calcio: false operazioni per muovere danaro

1.752 segnalazioni per presunte operazioni sospette, in soli cinque anni. Capirete che la mole non è di poco conto e ci sono indagini da proseguire, se si vuole raggiungere un mondo pulito. Almeno per quanto si possa, calcolando che squadre all’apparenza indebitate come il Real Madrid, progettano già un futuro pieno di stelle. Uno dei temi principali è quello delle false ricapitalizzazioni.

Alcuni finanziamenti ai capitali sociali sarebbero infatti portati al termine in modo fittizio, con aumenti di capitale che poi facevano rigirare i il denaro, di nuovo sui conti dei soci. Ricapitalizzazioni quindi, che vengono effettivamente segnalate, ma non portano benefici alla squadra ed anzi, restano anche tracciabili e quindi segnalate.

Leggi anche>>> Zaccagni, derby di cuore: avete visto la fidanzata? E’ uno schianto (FOTO)

Dicevamo anche delle false sponsorizzazioni, ebbene sono sorte ditte individuali e società collegate ai titolari effettivi delle organizzazioni sportive, che hanno simulato diversi schemi finanziari, fittiziamente collegati alle sponsorizzazioni ed a pagamenti di fatture. Non è una novità per esempio, che i responsabili arrivino a diverse sponsorizzazioni con delle imprese, riuscendo poi a ricevere grazie al regime tributario, delle somme superiori a quelle che apparivano negli accordi.