Leclerc, mentalità Ferrari: contento dei progressi, ma vuole di più

La Ferrari è chiaramente la terza forza e Leclerc lo ha dimostrato con una gara eccellente. Il gap dalla McLaren ora è davvero irrisorio.

Leclerc (GettyImages)
Leclerc (GettyImages)

La Ferrari e Charles Leclerc hanno chiuso autorevolmente in quarta posizione in Gran Premio degli Stati Uniti. La pista di Austin era a favore della McLaren, almeno sulla carta, ma il nuovo motore con parte ibrida rivoluzionata portato in Russia ha dato i suoi frutti. La SF21 sembra essere cresciuta anche nella gestione gomma, come ha dimostrato Carlos Sainz che nel primo stint sulla Soft ha tranquillamente tenuto il passo dei rivali con le Medie.

La gara del monegasco, come lui stesso ha poi dichiarato, è stata piuttosto noiosa. Il nativo del Principato ha infatti tenuto bene la sua posizione al via, allungando sulla splendida lotta tra il compagno di squadra e le McLaren. In seguito, il suo ritmo è stato inarrivabile per Daniel Ricciardo che tentata di inseguirlo, costringendolo ad arrendersi all’evidenza dopo pochi giri.

Il dettaglio importante riguarda la conferma delle buone velocità di punta ottenute, come già visto in qualifica. La rossa riusciva infatti ad essere tra le più veloci nel primo e nel secondo settore, dove Leclerc risultava anche in gara tra i migliori. Il terzo tratto, con le curve più lente ed in appoggio nel caso delle ultime due, ha messo più in crisi la vettura.

Questo non toglie nulla al buon lavoro che si sta svolgendo a Maranello, dove uno step importante a livello motoristico è stato trovato. L’abbandono degli ioni di litio ed il passaggio alla batteria allo stato solido rappresentano un bel passo in avanti, anche se va detto che la concorrenza ricorre già da tempo a soluzioni di questo tipo.

Leclerc, tanta soddisfazione per i progressi Ferrari

Charles Leclerc è apparso raggiante alle interviste, al contrario di Sainz che se l’è giustamente presa per l’ennesimo pit stop sbagliato dai meccanici. Il monegasco ha invece utilizzato parole al miele per la Scuderia di Maranello, che secondo lui sta dando davvero il massimo per chiudere il gap dai primi.

Per me è stata una gara abbastanza noiosa, ho dato il massimo ad ogni giro perchè io ci spero sempre. Quello è il motivo per cui guido e mi auguro sempre che accada qualcosa di favorevole. Davanti a me vedevo quel terzo posto che era di Perez, ma alla fine non ce l’ho fatta perchè la Red Bull andava veramente forte. Ci abbiamo provato, devo dire un grande grazie agli ingegneri perchè gli sviluppi funzionano alla grande“.

La questione della crescita è molto cara a Leclerc, che appare molto in simbiosi con la SF21 dotata degli ultimi aggiornamenti, specialmente motoristici: “Stiamo lavorando tantissimo a Maranello, ovvio che siamo concentrati sul 2022 ma per ora sento che tutto sta andando alla grande“.

Riguardo alla fine della stagione, il ferrarista non vuole darsi per vinto: “Per le prossime corse sono molto ottimista, qui avremmo dovuto soffrire ed invece siamo stati forti. Il quarto posto non deve farci felici, ma considerando il tipo di stagione che stiamo vivendo ci dobbiamo sentire orgogliosi“.

LEGGI ANCHE >>> Verstappen strizza l’occhio a Mick Schumacher: l’aiuto inatteso

In conclusione, Charles si è concentrato su uno dei temi in cui è migliorato di più da quando arrivò a Maranello: “Stiamo crescendo sulla gestione gomme, quell’aspetto era il mio punto debole due anni fa. Nel 2019 perdemmo tante vittorie anche per colpa mia dopo delle belle pole position, proprio a causa della brutta gestione gomme. Ora siamo cresciuti insieme“.