Mick Schumacher ora può esultare: arriva per lui un traguardo storico

Mick Schumacher è stato nel mezzo davvero di tantissime critiche in questi anni, ma forse sta riuscendo a cacciarle via grazie a Silverstone.

Un anno e mezzo è passato dal debutto di Mick Schumacher a Sakhir in Bahrain nel 2021 a bordo della Haas e si è dovuto attendere Silverstone in Gran Bretagna nel 2022 per vederlo realizzare i suoi primi punti nel grande mondo della F1, per questo motivo c’è sicuramente tanta gioia e tanta felicità per un ragazzo che indubbiamente merita il meglio e che è stato in grado anche di saper rimandare al mittente davvero tante critiche.

Mick Schumacher Haas (Ansa Foto)
Ansa Foto

Entrare in F1 con un cognome così importante come quello Schumacher non era sicuramente un qualcosa di semplice e già questo dimostrava davvero tanto coraggio, con Mick che ha dovuto lottare davvero in maniera molto dura per poter ottenere il primo punto della propria carriera.

A Silverstone però non si è accontentato solamente del decimo posto, ma ha disputato una gara davvero favolosa, tanto è vero che ha chiuso all’ottavo posto nonostante in qualifica avesse ottenuto solamente una diciannovesima posizione che non lasciava sicuramente ben sperare in niente di positivo.

La gara a Silverstone però è stata davvero di altissimo livello, con il giovane tedesco che si è dimostrato a tutti gli effetti come uno dei ragazzi più promettenti, tanto è vero che finalmente si è potuto vedere il suo talento che sembrava aver lasciato in Formula 2.

Quello che è piaciuto moltissimo del figlio del Kaiser è stato anche il suo atteggiamento quando si è trovato davanti un mostro sacro in difficoltà come Max Verstappen, con Mick che ha cercato in tutti i modi di superarlo per poter prendersi una settima posizione che sarebbe stata ancora più prestigiosa, ma era giusto accontentarsi così.

L’ottavo posto permette un importante balzo in classifica, perché non soltanto garantisce di staccare il canadese Nicholas Latifi, l’uomo che sembrava più pronto per smuovere la classifica dopo un super decimo posto in qualifica, ma che invece si ferma in dodicesima posizione, ma permette il sorpasso anche della Williams di Alexander Albon e dell’Aston Martin di Lance Stroll, fermi a tre punti.

L’ottavo posto di Schumacher può essere un nuovo inizio?

Sicuramente era impossibile vedere la Haas di Schumacher ancora ferma a quota zero punti, considerando infatti come il compagno di squadra Kevin Magnussen abbia totalizzato ben 16 punti riuscendo a tenere alle sue spalle anche campioni come la McLaren di Daniel Ricciardo e l’Aston Martin di Sebastian Vettel.

Dunque era normale che Gunther Steiner e il resto della Scuderia non fosse per nulla soddisfatta del suo atteggiamento e del suo modo di approcciare alla gara, per questo motivo bisognava cercare in tutti i modi di smuovere la classifica, con l’ombra sempre più incombente del giovane Fittipaldi.

Ora però c’è davvero di che festeggiare, per un ragazzo che è anche stato davvero molto sfortunato in tante occasioni, con l’incidente a Jeddah in Arabia Saudita che poteva avere delle conseguenze catastrofiche, mentre a Montreal aveva disputata una grande qualifica e stava per sognare il primo punto fino a quando non ha rotto il motore.

Insomma la sua avventura in F1 ora può prendere davvero tutta un’altra piega e un altro andazzo, con la speranza non certo di arrivare ai livelli del padre, ma almeno di poter essere considerato a tutti gli effetti come un ragazzo adatto per poter far parte del circus più prestigioso del mondo per quanto riguarda l’automobilismo.