L’ex Juventus lascia definitivamente il calcio: i tifosi sono increduli

Ex bandiera della Juventus, assoluto protagonista con la maglia bianconera a cavallo tra il 2015 e il 2019, dice addio al calcio.

Juventus (AdobeStock)
Juventus (AdobeStock)

 

Lo ha comunicato oggi, con un messaggio carico di tristezza: c’è la ferma volontà di ritirarsi. Una foto appare da qualche ora sul suo profilo: due scarpette da calcio, le sue, su un campo in erba. La sua vita per oltre 20 anni di carriera, di goal, di gioie.

Ex bandiera della Juventus: è nel cuore dei tifosi

Una notizia inattesa, un fulmine a ciel sereno che lascia l’amaro in bocca ai tanti sostenitori bianconeri che lo hanno acclamato, che hanno esultato per le sue reti, che lo hanno apprezzato perchè ha contribuito da protagonista ai recenti successi della Vecchia Signora. 

Ex bandiera della Juventus: il triste annuncio

Quando per un giocatore si volta pagina, non è mai semplice. Subentra però la consapevolezza di non avere più gli stimoli, nè l’energia per correre in campo. C’è la certezza che non potrai essere più il bomber implacabile di qualche anno prima, osannato dai tuoi sostenitori e protagonista di indimenticabili titoli sui giornali. Nonchè di immagini e di video, custoditi in rete, che rappresenteranno per sempre la memoria storica delle tue gesta sul terreno di gioco.

Leggi anche>>> Come è morto Gaetano Scirea? La terribile fine del campione della Juve

Mario Mandzukic, il gigante croato dei quattro scudetti bianconeri

Mandzukic (instagram)
Mandzukic (instagram)

Mario Mandzukic, l’ariete croato classe 1986, attaccante titolare della Juventus per quattro stagioni, protagonista con i suoi goal di altrettanti scudetti bianconeri, dice addio al calcio giocato. L’ultima parentesi al Milan per provare a rilanciarsi (10 presenze, zero goal all’attivo), poi la decisione maturata alla fine di un calcio mercato dove non ha trovato la proposta che cercava. Quella che avrebbe dovuto accendere in lui la voglia di lottare ancora, come ha sempre fatto. Stella della nazionale del suo Paese con 89 presenze e 33 sigilli, a Torino ha dato il meglio nel triennio Allegri. 118 apparizioni, 31 reti: i quattro scudetti, le tre coppe Italia, le due supercoppe italiane. Senza dimenticare i successi stratosferici con il Bayern Monaco: due titoli di Bundesliga, due coppe di Germania, la Champions nel 2013. E ancora con i bavaresi la coppa del mondo per club. In bacheca anche tre titoli croati e un campionato del Qatar con l’Al Duhail.