F1, tra Hamilton e Verstappen è già guerra: parole infuocate

La sfida mondiale si accende ad Istanbul in occasione del GP di Turchia di F1. Sarà un round decisivo per Max e Lewis e tra loro non mancano le polemiche.

Verstappen e Hamilton (GettyImages)
Verstappen e Hamilton (GettyImages)

I due contendenti alla corona iridata 2021 non sono nuovi a frecciatine in questa stagione. Gli incontri-scontri avvenuti nel corso del Gp di Silverstone e in occasione del GP d’Italia hanno inasprito gli animi tra i due grandi rivali. Lewis Hamilton è partito fortissimo in questo appuntamento turco, facendo segnare il miglior tempo in entrambe le prove libere. Il ritmo del pilota della Mercedes sembra essere spaziale sul viscido asfalto dell’Istanbul Park.

Subito dopo le seconde prove libere Lewis Hamilton ha dichiarato: “Le cose sono andate diversamente rispetto all’anno scorso. Stavolta la pista è ben pulita, c’è molta più aderenza rispetto al passato ed è molto più divertente da guidare. Siamo partiti con un buon assetto nelle prime prove libere, ma la pista è in evoluzione. Mi sono trovato più a mio agio nelle le prove libere 1. Abbiamo raccolto comunque tante informazioni che speriamo ci tornino utili nelle successive sessioni”.

LEGGI ANCHE >>> Sainz partirà ultimo, lo ha deciso la Ferrari: il motivo è clamoroso

Lewis Hamilton sarà costretto a scontare 10 posizioni di penalità in griglia a causa del montaggio del nuovo propulsore a combustione interna sulla sua W12.

F1, la risposta dello sfidante

Max Verstappen avrà la grande occasione domenica di riacciuffare la leadership del mondiale. Max Verstappen a caldo non è parso molto soddisfatto della giornata odierna. “Abbiamo cambiato alcune cose rispetto alle PL1. Stamattina non andavo alla grande, purtroppo non abbiamo tanti dati con queste vetture. Non è stata la giornata migliore oggi. È una bella pista in condizioni normali, ma speriamo di migliorare nei prossimi giorni – ha affermato l’olandese e in merito al cambio PU di Hamilton, Max ha tuonato – ci concentriamo su noi stessi, non pensiamo agli affari altrui”.