Chi è la nuova stella del Borussia Dortmund? Lo vogliono tutti

Il Borussia Dortmund ha ceduto i campioni migliori, ma niente paura: ha già un nuovo fenomeno in prima squadra.

Borussia Dortmund (AdobeStock)
Borussia Dortmund (AdobeStock)

Ricordate del Borussia Dortmund di Jurgen Klopp? Raggiunse la finale di Champions League e vinse il campionato tedesco, la Bundesliga, nel 2011 e nel 2012. Nell’arco del tecnico ora al Liverpool, diverse frecce che oggi sono in giro per l’Europa che conta.

Tra i Die Borussen echeggiavano i nomi di Lewandowski, oggi al Bayern Monaco, Gotze, Perisic, Hummels, tornato in giallonero proprio dal Bayern, ed ancora; Gundogan del City e tanti altri che non sono partiti per grandi mete. Ma come fa oggi il Dortmund ad essere ancora forte senza spendere molto? Scopre nuovi campioni. Eccone uno.

Perché lo scouting del Borussia Dortmund è fenomenale

In estate i gialloneri, hanno vinto il loro ultimo trofeo, la Supercoppa di Germania, mentre attualmente sono secondi in Bundes ad un solo punto dal solito Bayern. Ed in campo, ci sono le nuove giovani promesse che tutto il mondo vorrebbe già in rosa. C’è persino un diciottenne, tra i titolari.

Jude Bellingham è infatti nato il 29 giugno 2003, ma fa già tremare le difese in Champions League ed anche quelle nazionali. Se avete già sentito pronunciare il suo nome infatti, avrete assistito a qualche gara della sua Inghilterra agli Europei. In finale contro l’Italia non entrò, ma ha giocato contro Croazia, Rep.Ceca ed Ucraina. In giallonero, ha già segnato 7 reti in 60 partite.

LEGGI ANCHE>>> Vi ricordate di questo calciatore? Doveva essere un fenomeno della Juventus

Il ragazzino prodigio è un centrale di centrocampo e vanta già tredici presenze in Champions League. Arrivato due estati fa, aveva già giocato in prima squadra, praticamente da giovanissimo. La stagione 2019-20 fu infatti disputata con il Birmingham City, squadra della città che si trova a pochi chilometri da dove è nato, Stourbridge. Il costo del suo cartellino fu di soli 23 milioni, ma oggi varrà certamente almeno il doppio. I tifosi dei Blues, hanno persino chiesto di inserirlo nella Hall of Fame del club con cui esordì a 16 anni e 38 giorni.