Ansia per Leclerc I I segreti della Ferrari F1-75 I Alfa Romeo nuovi modelli

La Ferrari ha una monoposto velocissima, ma Charles Leclerc deve tentare di limare gli errori. L’Alfa Romeo ha un obiettivo molto chiaro.

Il mondiale di F1 ha trovato un week-end di pausa dopo un back-to-back davvero spettacolare. La Ferrari ha aperto alla grande il proprio mondiale, con Charles Leclerc vincitore in Bahrain e poi secondo in Arabia Saudita, subito dietro alla Red Bull di Max Verstappen. Tra le notizie più importanti della settimana spicca anche un obiettivo fissato dall’Alfa Romeo nei confronti della BMW.

Ferrari, Leclerc ed Alfa Romeo (ANSA)
Ferrari, Leclerc ed Alfa Romeo (ANSA)

Ferrari, Leclerc deve essere perfetto

La Ferrari, finalmente, ha una monoposto competitiva, che potrebbe permetterle di lottare per il campionato del mondo. Le prime due tappe hanno confermato quanto di buono si era visto nei test, dove il Cavallino aveva messo in mostra un’ottimo potenziale sulla F1-75. Su questa monoposto si è lavorato tantissimo, nel tentativo di chiudere il gap con la Red Bull e con la Mercedes.

Prima del GP del Bahrain, lo stra-favorito era Max Verstappen, ma entrambe le RB18 sono state costrette al ritiro da un problema tecnico alla pompa del carburante. Va detto però che Charles Leclerc aveva fatto segnare la pole position dominando poi la corsa, con il campione del mondo che non avrebbe avuto alcuna possibilità di sottrargli il successo. L’olandese si è poi rifatto la settimana dopo, beffando il monegasco per mezzo secondo in Arabia Saudita.

Per quanto riguarda Leclerc, la cosa fondamentale in questa stagione sarà il cercare di limare gli errori. La Ferrari punta su una coppia di piloti molto competitiva, ma sia Charles che Carlos Sainz hanno commesso qualche errore di troppo lo scorso anno. Il monegasco ha anche toccato le barriere di Jeddah nelle seconde libere, perdendo l’opportunità di simulare il passo gara.

Come detto, Charles ha la prima occasione per combattere per il titolo, e non può permettersi il minimo errore contro uno come Verstappen. L’olandese ha gestito alla perfezione la pressione lo scorso anno, tenendo a bada l’ansia del primo titolo e battendo Lewis Hamilton. Lo stesso dovrà fare Leclerc. Per approfondire la notizia leggi qui.

Ferrari, scopriamo i segreti della F1-75

In casa Ferrari si è lavorato moltissimo per presentarsi al via della stagione 2022 con le carte in regola per riprendersi il mondiale, che manca da ormai 15 anni per quanto riguarda i piloti. L’ultimo a portare il titolo a Maranello fu Kimi Raikkonen nel 2007, mentre, tra i costruttori, il Cavallino riuscì ad imporsi anche nel 2008.

A causa della scarsa competitivà palesatasi nel 2020, tutto l’entourage diretto da Mattia Binotto ha preferito sacrificare gran parte del 2021 per concentrarsi sul nuovo regolamento tecnico, portando alla luce questa fantastica F1-75. Sin dalla presentazione, la vettura si è distinta per delle soluzioni inedite.

La Ferrari ha puntato su delle pance molto grandi, il contrario esatto di quanto fatto dalla Mercedes. Tra i sidepod ed il cofano motore si è optato per questo “scavetto”, nel tentativo di incanalare al meglio l’aria. Tra i punti forti c’è anche un gran bel motore, denominato Superfast e sul quale si lavora da oltre un anno.

Una delle caratteristiche principali della power unit è quella di poter sfruttare un’eccellente coppia, che fa la differenza nelle fasi di accelerazione. Questo vantaggio si è ben notato in Bahrain, con Charles Leclerc che ha costruito il suo gap su Max Verstappen proprio in uscita dall’ultima curva. Tutto ciò potrebbe tornare utile anche in Australia, dove il telaio, il grip meccanico e la trazione potrebbero fare la differenza sulla Red Bull. Per approfondire la notizia leggi qui.

Alfa Romeo, fissato l’assalto alla BMW

L’Alfa Romeo sta tornando a concentrarsi sulla produzione dopo anni piuttosto magri di soddisfazioni. Dopo che Sergio Marchionne decise per un rilancio del marchio con l’immissione sul mercato di modelli come la Giulia e la Stelvio, alla sua morte tutto si è fermato per la casa del Biscione.

Pochi mesi fa è stata rilasciata la splendida Tonale, mentre il prossimo anno sarà disponibile una nuova versione della Stelvio, che sarà probabilmente ibrida. Uno degli obiettivi prossimi dell’Alfa Romeo è quello di fare concorrenza ad alcuni modelli della BMW, come X5, X6 e la Serie 7. Nel futuro, si punterà all’elettrificazione completa, che dovrebbe arrivare entro il 2027. I piani di Stellantis sono molto chiari da questo punto di vista. Per approfondire la notizia leggi qui.