Valentino Rossi, l’amara verità di Guareschi: “Si capisce che è al limite”

Valentino Rossi si sta godendo l’ultimo anno da pilota? Ognuno ha la sua tesi, ma un ex pilota lo conosce bene e conosce la risposta.

Valentino Rossi (Instagram)
Valentino Rossi (Instagram)

Ha vinto 9 Mondiali, ha già idee per il futuro ed è un pilota amatissimo non solo in Italia. Certamente anche se ci vediamo molto vicini al suo ritiro, se si parla di due ruote e motori, non si può non finire per parlare anche di Valentino Rossi.

Vale, per adesso pensa ad Austin, dove ha spesso fatto podio ma mai vinto, conoscendo già i piani per il futuro. Il pesarese resterà nel mondo delle moto ma da dirigente, ma ora si sta divertendo? Ha provato a spiegarlo Vittoriano Guareschi.

Valentino Rossi, com’è stato il 2021?

Guareschi, nato a Pescara nel 1971 è ex pilota motociclistico ed oggi dirigente sportivo. Nel 2001 ha iniziato, dopo essersi ritirato dalle corse proprio come a breve farà The Doctor, la sua carriera da collaudatore. In quell’anno infatti, entrò a far parte della Ducati, dove poi conoscerà ancor più da vicino, l’ormai ex collega, Valentino.

Rossi infatti si è accomodato sulle rosse dal 2011 al 2012, mentre Guareschi era manager del team Ducati Marlboro in MotoGp, compito che gli venne assegnato nel 2009. L’ex pilota pescarese, ha poi lasciato le moto italiane per accasarsi alla Sky Racing Team VR46 nel 2014.

LEGGI ANCHE>>> MotoGP: orario, date e diretta TV e streaming del GP di Austin

Per questo possiamo dire che lui, Valentino lo conosce eccome. E se è vero che Rossi deve occuparsi anche della vicenda Aramco per la prossima stagione, ecco cosa ne dice Guareschi di quella in corso: “Ha fatto bene a continuare? Diciamo di sì per svariati motivi, ma quest’anno non se l’è goduto per niente, sapendo come andava avrebbe smesso l’anno scorso. Quest’anno non è mai stato competitivo, e inoltre si è tirato addosso anche tante critiche. Lui ha le spalle larghe, però questo alla lunga ti infastidisce. E tante volte, durante le interviste, si capisce che a volte la sua pazienza è al limite”.