Pot Odds e Outs nel poker: cosa sono e tutti i loro segreti

Saper calcolare le Pot Odds è una delle armi principali a disposizione del giocatore per battere il tavolo da poker. Ecco la guida completa per scoprirne tutti i segreti.

Mazzo di carte da poker

La differenza tra il poker e i giochi d’azzardo è la possibilità di poter raccogliere molte informazioni disponibili durante la mano e applicare delle semplici regole matematiche per usarle a nostro vantaggio.

Sono chiamate “Out” quelle carte che ci aiutano a completare un draw (progetto). Se per esempio ho 4 carte dello stesso seme (in un mazzo ce ne sono 13), significa che ho 9 out per chiudere il mio progetto di colore.

Il termine Out viene anche utilizzato in situazioni di showdown prima del River, quindi in un momento in cui devono ancora arrivare delle carte sul board, per definire le carte che aiuterebbero la mano più debole a vincere. Se ad esempio ci troviamo in situazione di all-in su flop 5hearts9diamonds2clubs rainbow e noi abbiamo in mano KheartsKclubs e l’avversario AclubsAspades, abbiamo soltanto due out per vincere (i restanti due K nel mazzo)

Chiamiamo invece “Odds” nel poker le probabilità di prendere una delle nostre out, mentre le Pot Odds ci indicano se fare call in una determinata situazione ha EV+ (positive expected value, valore atteso positivo).

Cosa si intende con Valore Atteso

Il concetto di EV è fondamentale se siamo intenzionati a giocare in modo profittevole e non c’è bisogno di imparare mille formule per padroneggiare il concetto.

Il valore atteso di una mano ne indica la profittabilità al netto di ciò che accade realmente nel breve periodo.

Se ad esempio un evento ha 1 possibilità su 2 di accadere, come il lancio di una moneta, chiunque abbia una base elementare di statistica o semplicemente ha sentito parlare della legge dei grandi numeri, sa che nel lungo periodo avremo un numero di risultati che tenderà a questa proporzione e maggiore sarà il numero di eventi analizzati, più vicini si andrà al rapporto matematico.

Questo argomento introduce anche un discorso sulla mentalità da mantenere durante il gioco, quindi non dovremo mai concentrarci sull’esito di una singola mano o sessione per definire la validità della nostra strategia, ma valutare se matematicamente abbiamo guadagnato valore atteso dal nostro gioco oppure no, a prescindere se gli avversari ci rubano il piatto pescando l’unica carta che li porta in vantaggio.

LEGGI ANCHE >> Perché è essenziale calcolare il Valore Atteso (o Expected Value)

Come calcolare le odds in modo semplice

Il calcolo delle odds si esegue dividendo il numero delle nostre out per le carte totali rimanenti nel mazzo e si ripete il procedimento per ogni carta che deve ancora arrivare (tenendo conto che se devono arrivare altre carte, il numero delle stesse possibili calerà di uno ad ogni turno). Infine dobbiamo sommare questi risultati tra loro. In breve la formula per ogni turno rimanente è:

Nº di out / Nº di carte possibili = odds (probabilità)

Esempio:

Mia mano: 6hearts 9hearts

Flop: 3hearts Aspades 7hearts

La probabilità che arrivi una carta di hearts al turn è: 9 / 47 = 0,1914 = 19,14% -> Arrotondando, abbiamo quindi probabilità 4 a 1

9 è il numero di restanti carte diheartsnel mazzo.
47 è il numero di carte rimanenti nel mazzo, quindi le possibilità totali.

E al river? È sufficiente togliere 1 alle possibilità totali (una delle 47 carte sarà già stata utilizzata per il turn), quindi stavolta le probabilità che arrivi una carta di hearts saranno: 9 / 46 = 0,1956 = 19,56% -> che possiamo arrotondare sempre a un rapporto di 4 a 1

Avendo questi due dati è ora semplice calcolare le odds che arrivi una carta una carta di hearts al Turn oppure al River. Come detto è sufficiente sommare le due percentuali 19,14% + 19,56% = 38,7%. Questa è esattamente la porbabilità matematica di chiudere il progetto di colore al turn oppure al river.

Naturalmente non serve fare i calcoli in modo preciso al centesimo, anche perché nel mentre la nostra mente sarà impegnata a valutare molte altre variabili. Le soluzioni quindi sono due: allenarsi quotidianamente a calcolare (approssimando sempre!) in modo molto rapido oppure memorizzare le odds dei progetti più comuni. La tabella sintetica al termine di questo articolo può essere d’aiuto nella maggior parte delle situazioni: sarà sufficiente memorizzarla per non dover ripetere questo calcolo ogni volta.

Quali tipi di progetto si possono avere e come si chiamano

Per capire al meglio tutti i progetti cui puoi puntare in una mano e conoscere una serie di termini utili, ecco una piccola guida:

  • Flush Draw: progetto di colore
  • Straight Draw: progetto di scala
  • Backdoor: tradotto significa ‘porta sul retro’, ossia si usa metaforicamente per indicare quei progetti che si possono concludere solo, come si suol dire, “Per il rotto della cuffia”. In gergo si dice anche “chiudere un progetto Runner Runner“. Sono draw che necessitano altre due carte per completare la mano. In genere si tratta di una situazione in cui al flop abbiamo tre carte dello stesso seme, auspicando quindi turn e river di quel seme, oppure ad esempio 3/5 di scala, da completare sempre grazie a turn e river favorevoli.
  • Gutshot: letteralmente ‘sparo all’addome’, indica la cosiddetta “Scala a incastro“, quindi un progetto in cui manca una delle 5 carte alla scala, ma si tratta di una delle tre carte centrali. Ad esempio se abbiamo 4clubs5spades6clubs8hearts, ci manca un 7 per completare la scala, abbiamo quindi 4 out per questo draw.
  • Open Ended Straight Draw: anche abbreviato con l’acronimo OESD, si tratta di un progetto di scala che permette il completamento del punto con due carte di diverso valore, quindi questa situazione ci offre 4+4 = 8 out.In italiano viene spesso chiamato “Progetto di scala bilaterale” o, più semplicemente, “Bilaterale”.
    Esempio: 5spades6clubs7diamonds8hearts mi permette di chiudere Scala con tutti i 4 e con tutti i 9 ancora nel mazzo

LEGGI ANCHE>> La guida completa alle Implied Odds per prendere la giusta decisione

Come calcolare le Pot Odds per sapere se una mano è profittevole

Le pot odds sono il rapporto matematico tra la possibile vincita di una mano e la quota che dobbiamo versare nel piatto, quando la confrontiamo con una puntata avversaria. In sostanza è il calcolo che ci dice se stiamo guadagnando o perdendo EV con una decisione, quindi se la nostra giocata sarà vincente o perdente nel lungo periodo. Interessante, vero? Per introdurre l’argomento, partiamo con un esempio:

Siamo al turn, per chiamare la puntata dell’avversario devo mettere nel piatto 20$, il pot prima della puntata avversaria era di 80$, di conseguenza mi trovo a dover investire 20$ per vincerne 100 e ho un progetto di colore, il quale ho capito che nel momento viene chiuso, vinco pressoché certamente la mano.

Come visto poco fa, un flush draw ha circa una possibilità di 4:1 di concludersi, il che tradotto significa che sul lungo periodo, per ogni 5 giocate identiche a questa, 4 volte mi troverò a perdere 20$ e una volta ne vincerò 100. A questo punto il profitto sarà calcolato sottraendo le perdite alla vittoria: 100$-(4×20$) = 100$-80$ = 20$. In media quindi questa decisione ci produce una media di 20$/5 = 4$ di EV per ogni situazione identica. Chiamare quindi questa puntata, anche non considerndo le Implied Odds (vedremo in un secondo momento di cosa si tratta, ma per adesso non ci serve), è una scelta profittevole sul lungo periodo. La formula potrebbe essere:
Pot Odds = Vincita possibile / Stake necessario a chiamare

Richiamando l’esempio di prima, le pot odds saranno quindi 100$/20$ = 5:1, mentre le odds saranno 4:1. In questo caso è profittevole chiamare la puntata avversaria.

La regola base, al netto di eventuali azioni successive è: tutte le volte che le odds sono inferiori alle pot odds, chiamare è profittevole.