Perché Hamilton non ha mai corso per la Ferrari? Lo spiega lui stesso

Lewis Hamilton raggiunge le 100 vittorie in pista e sogna il Mondiale numero 8, ma ammette: gli piace la Ferrari.

Lewis Hamilton (Instagram)
Lewis Hamilton (Instagram)

La Red Bull è nata da pochi anni, McLaren e Mercedes sono sicuramente grandi scuderie, ed entrambe hanno avuto come pilota, Hamilton. Ma sapete i piloti che auto vorrebbero guidare almeno una volta in carriera? La sempre affascinante rossa: la Ferrari.

E proprio il sette volte campione mondiale, che domenica ha raggiunto le 100 vittorie, ha parlato della vettura di Maranello. Anche se ora non sembra competitiva tra l’altro, la Ferrari crede di avere ottime notizie per il 2022, motivo in più per essere contenti di esserci, per Leclerc e Sainz.

Hamilton è mai stato vicino alla Rossa?

Il ragazzo di Stevenage ha ammesso proprio che tra le poche cose che non è riuscito a fare in carriera, c’è quella di sedersi nella Rossa. Cos’ha detto a riguardo, lo stesso Lewis: “Non è mai stato davvero possibile e non saprò mai esattamente perché – ha esordito l’inglese – Per anni, ogni volta che vado a Monza e vedo i tifosi, li sento dire ‘Vieni in Ferrari!’ e mi scalda il cuore, ma a dire il vero è abbastanza sorprendente che non abbia mai guidato per la Ferrari dopo così tanti anni. Perché è un sogno per tutti, un obiettivo da raggiungere”.

Intanto, il Direttore Sportivo, Ross Brown, ha provato a prevedere a quante vittorie arriverà Hamilton in carriera. Di certo Lewis, dovrà continuare a portarle a casa in Mercedes, le sue vittorie, perché il famoso ‘treno’, sarebbe già passato.

LEGGI ANCHE>>> Mick Schumacher resta in F1? Arriva la decisione della Haas

Dal canto suo, il britannico, che potrebbe esser stato vicino a Maranello nel 2019, ammette in un ulteriore modo la sua passione per le rosse. Hamilton ha infatti specificato di avere un paio di Ferrari a casa, ma di quelle da strada, che però logicamente non equivale alla vettura di F1 che tutti vorrebbero condurre. “Auguro loro il meglio anche se nel prossimo futuro dovrò impedirgli di vincere il Mondiale”, ha concluso il fortissimo pilota classe ’85.