Hamilton, arriva la mazzata del nuovo presidente FIA: guai in vista?

Lewis Hamilton non si è presentato al galà della FIA, ed il nuovo presidente Mohammed Bin Sulayem non esclude provvedimenti in futuro.

Lewis Hamilton (Getty Images)
Lewis Hamilton (Getty Images)

Il finale del mondiale 2021 è stato uno dei più emozionanti di sempre. La sfida tra Max Verstappen e Lewis Hamilton ha visto prevalere l’olandese, ma l’entusiasmo generale dei tifosi per il duello all’ultimo giro ha presto lasciato spazio alle polemiche ed ai ricorsi. La gestione della Safety Car non è piaciuta a Toto Wolff ed alla Mercedes, con il manager austriaco che le ha provate tutte per ribaltare il risultato presentandosi in direzione gara con l’assistenza di un avvocato.

La Federazione Internazionale ed il collegio dei commissari sportivi sono stati, tuttavia, irremovibili, ed hanno confermato il verdetto maturato in pista. Super Max si è laureato campione del mondo con la Red Bull, dando una gran gioia alla Honda che ha così festeggiato un titolo proprio prima dell’addio alla F1. La Mercedes si consola con l’ottavo alloro iridato costruttori consecutivo, ma questo non è bastato al team principal per alleviare la rabbia.

La conferma è arrivata dalle forti affermazioni lanciate contro la FIA ed il direttore di gara Michael Masi in una velenosa conferenza stampa, in cui ha annunciato che non si sarebbe presentato al Galà della FIA svoltosi giovedì sera. All’evento non ha presenziato neanche Lewis Hamilton, ed il trofeo dei costruttori è stato ritirato dall’ingegnere James Allison. Tra i piloti, solo Valtteri Bottas, ormai membro dell’Alfa Romeo Racing, ha raggiunto la cerimonia con la sua compagna.

F1, Toto Wolff distrugge Michael Masi: parole clamorose

Hamilton, il nuovo presidente della FIA è arrabbiato

Nella mattinata di venerdì è stato annunciato il nuovo presidente della FIA, ovvero l’emiro di Dubai Mohammed Bin Sulayem, che ha corso anche come pilota di Rally in passato. L’erede di Jean Todt è dunque un uomo proveniente da molto lontano, che ha subito messo in chiaro le cose riguardo al comportamento di Lewis Hamilton.

Come anticipato, il sette volte campione del mondo non si è presentato alla festa di fine anno della FIA, dove tutti i vincitori delle varie discipline vengono premiati per i risultati conseguiti. L’asso della Mercedes non ha rispettato il regolamento sportivo, che all’articolo 6.6 recita: “I piloti che concludono al primo, secondo e terzo nel campionato devono essere presenti alla cerimonia annuale di premiazione della FIA“.

Sulayem dovrà ora decidere il dà farsi in merito alla questione, poiché il pluri-titolato è venuto meno ad un vero e proprio obbligo. Queste le dichiarazioni del neo-presidente alla stampa su quanto accaduto: “Le regole sono regole, e se Lewis non le ha rispettate è bene che venga svolta un’accurata analisi. Se appureremo la sua violazione, non potrà passarla liscia ed essere perdonato come se nulla fosse“.

Verstappen campione “grazie” ad un supermercato: ecco l’incredibile storia

Capisco benissimo che Hamilton si senta affranto in un momento del genere, ma il nostro compito è quello di far rispettare ciò che il regolamento stabilisce. Al momento non conosco bene i dettagli della vicenda, ma posso garantire che me ne occuperò per fare chiarezza il prima possibile“.