Mercedes: enormi problemi, finale di stagione a rischio? Il motivo

In casa Mercedes ci sono enormi difficoltà in vista del rush finale del mondiale. La partita iridata può volgere a favore della Red Bull.
Mercedes (Twitter)
Mercedes (Twitter)

Il mondiale di F1 2021 sta per avviarsi alla conclusione, con una sfida tra Mercedes e Red Bull che sono assolutamente alla pari. Al termine del campionato mancano ancora sette appuntamenti, compreso il GP di Turchia che si correrà in questo fine settimana. La freccia nera e Lewis Hamilton dovranno sudarsi la conquista dell’ottavo titolo iridato, sia per quanto riguarda i piloti che i costruttori.

Il gap di appena 2 punti su Max Verstappen non lascia tranquilli gli uomini di Brackley, che nelle ultime dieci gare hanno ottenuto due soli successi a Silverstone ed in Russia. Un record negativo visto il dominio tecnico messo in mostra dal 2014 al 2020. A tutto ciò, si aggiunge anche la mancanza di lucidità del box anglo-tedesco, che spesso e volentieri ha commesso errori clamorosi, come in occasione del GP di Ungheria dove Hamilton non è rientrato nel momento giusto per montare gomme da asciutto.

Va detto che a Brackley ed a Brixworth (dove vengono concepite e prodotte le power unit della Stella a tre punte), il lavoro è stato enorme, visto che dopo le due gare in Austria il vantaggio tecnico dei rivali appariva notevole. Da Silverstone in poi, la Mercedes ha ritrovato competitività dal punto di vista telaistico e motoristico, non riuscendo però a concretizzare al massimo il potenziale. Cosa accaduta sia a Budapest che a Monza.

Mercedes, c’è preoccupazione: ecco perchè

Toto Wolff e soci non possono certo definirsi tranquilli in questa fase della stagione, visto che le power unit teutoniche stanno registrando dei problemi inattesi. Valtteri Bottas ha già montato il quarto motore a Monza, per poi dover deliberare anche una quinta unità in Russia.

Secondo alcune fonti, anche interne alla Red Bull, il guaio potrebbe essere legato all’albero motore e sulle sedi delle valvole, motivo che avrebbe spinto la Mercedes a far partire il finlandese dal fondo della griglia a Sochi. Sembra comunque quasi certo che Hamilton non andrà in penalità in Turchia, a meno che non dovesse verificarsi un guaio serio. Il leader del mondiale non ha ancora montato la quarta unità, ma sta correndo con la terza deliberata a Spa.

LEGGI ANCHE >>> Lewis Hamilton, retroscena mai svelato dalla Ferrari: sarebbe cambiato tutto?

La partita a scacchi tra le power unit potrebbe anche decidere le sorti del mondiale: la Red Bull se l’è giocata benissimo, visto che Verstappen ha giocato la carta del quarto motore in Russia, rimontando dal fondo della griglia sino al secondo posto finale. L’olandese è stato bravo e fortunato nell’approfittare del diluvio degli ultimi giri, limitando i danni al massimo. Hamilton e la Mercedes ci riusciranno? Le prossime settimane chiariranno tutto.