MotoGP, Aleix Espargaró sogna in grande: parole da brividi

Il pilota dell’Aprilia, Aleix Espargaró, ha colto un brillante terzo posto nel Gran Premio di Portogallo. Un risultato che lo eleva a soli tre punti dalla vetta.

La gara di MotoGP, sul tortuoso tracciato di Portimao, ha regalato forti emozioni con un Aprilia in grande spolvero. Vi sono stati tantissimi colpi di scena e la costanza dei piloti di testa ha fatto la differenza. La corsa l’ha vinta il campione del mondo, Fabio Quartararo, che ha imposto un ritmo indiavolato alla corsa. Alle spalle del francese, fino all’ultimo giro, Johann Zarco e Aleix Espargaró si sono dati battaglia.

Aleix Espargaró (Ansa Foto)
Aleix Espargaró (Ansa Foto)

Il pilota dell’Aprilia ha preferito non rischiare e tenersi stretta la terza piazza finale. Il crash tra Jack Miller e Joan Mir ha spalancato le porte del podio al pilota spagnolo. Il fratello maggiore di Pol sta facendo una stagione da applausi, riuscendo a precedere tanti piloti di fama mondiale. L’Aprilia gli ha consegnato, finalmente, una moto all’altezza del suo potenziale. La casa di Noale ha scommesso sul talento di Maverick Vinales e l’esperienza di Aleix.

In una stagione così equilibrata proprio il talento dell’esperto centauro potrebbe fare la differenza. Le Ducati del team ufficiale sono in clamorosa difficoltà, Marc Marquez non è ancora al meglio e la Yamaha va a gare alterne. La moto della casa di Noale è migliorata in tutta le aeree, riuscendo a fare lo step decisivo per lottare per podi e vittorie. Il trionfo di Termas de Rio Hondo non è stato casuale. In quell’occasione lo spagnolo segnò anche la pole position.

Gli uomini dell’Aprilia non devono porsi limiti perché è un campionato apertissimo che può riservare grandi sorprese. La stagione attuale ricorda quella del 2020, vinta a sorpresa da Joan Mir in sella alla Suzuki con un solo successo iridato. Il numero di piloti diversi saliti sul podio in questo inizio di annata lascia pensare che il trend si riproporrà anche nei prossimi appuntamenti mondiali. Le parole del suo capotecnico non mentono. 

La gioia di Aleix Espargaró

Il centauro spagnolo ha già regalato la prima vittoria in MotoGP all’Aprilia. La nuova RS-GP è una moto all’avanguardia, che può sfidare alla pari le case giapponesi. La Ducati, in classifica costruttori, ha allungato a 106 punti, consolidando un vantaggio di 36 punti su KTM e Suzuki a quota 70. La Yamaha è salita a 69, due punti in più dell’Aprilia. Chiude la graduatoria la Honda con soli 44 punti.

Aleix Espargaró è l’unico pilota della storia della MotoGP ad aver conquistato tre pole position con tre case differenti. Il trentaduenne vuole spingere al vertice la casa di Noale per ottenere un traguardo storico. La costanza sta facendo la differenza perché, in ogni Gran Premio, il centauro di Granollers ha marcato dei punti. Lo spagnolo proverà a tenere una grande costanza per tutto il campionato, sperando con meno errori possibili, di lottare nel finale di stagione per la corona iridata.

Dopo il terzo posto di Portimao, il pilota dell’Aprilia a Sky ha dichiarato: “Io sono contento. Dobbiamo migliorare con la frizione. Stiamo avendo qualche problema. Stiamo giocando su giù in tutte le gare, tutti i turni, ma non troviamo un bel setting e questo è importante. Oggi ho perso molto all’inizio, lottando con Alex Marquez per diverso tempo, però il passo mi ha anche sorpreso. Ero veramente veloce, ma alla fine ci ho provato a passare Johann ma non avevo la trazione”.

Alla fine non è stato facile, non so se oggi mi potevo giocare la vittoria ma di sicuro potevo andare con Fabio Quartararo e fare 20 punti. Abbiamo perso quattro punti oggi, ma il passo è lì, il passo è forte. Jerez de la Frontera è una pista che mi piace di più, molto più di Portimao. Siamo quasi in testa al campionato e quest’anno, senza che sia un’ossessione, abbiamo una bella opportunità e quando hai una opportunità occorre prenderla”, ha concluso il pilota dell’Aprilia.