MotoGP, Martin porta a casa un primato: il dato è impressionante

Jorge Martin ha debuttato in MotoGP con la Ducati Pramac, ed ha ottenuto subito una vittoria in Stiria. Ecco le sue parole.

MotoGP (GettyImages)
MotoGP (GettyImages)

Il “Rookie of the Year” per la stagione MotoGP 2021 è Jorge Martin. La promessa spagnola ha esordito nella stagione appena conclusa con la Ducati del team Pramac, cogliendo la sua prima vittoria in carriera nel Gran Premio di Stiria, partendo dalla pole position. Lo spagnolo, campione del mondo nel 2018 in Moto3 con la Honda, ha tutte le carte in regola per arrivare al top del Motomondiale, considerando la giovane età e le capacità mostrate.

Il classe 1998, dopo un quindicesimo posto nel Gran Premio del Qatar, ha preso confidenza con la pista, e nel GP di Doha si è piazzato al terzo posto, ottenendo il primo podio della sua vita nella massima categoria. Un risultato a dir poco strabiliante, che ha fatto sgranare gli occhi a tutto il paddock. In qualifica, inoltre, aveva fatto segnare la prima pole position in carriera. Purtroppo, due settimane dopo, è accaduto l’impensabile.

La MotoGP è rimasta stupefatta dalle qualità di Martin, che secondo un fotografo di “Speedweek.com” sarebbe il mago delle pieghe. La sua maniera di affrontare le curve ricorda vagamente quella di Marc Marquez, fenomeno assoluto che è riuscito a dominare la top class quasi ininterrottamente dal 2013 al 2019.

Jorge è stato eccezionale anche nell’ultimo round stagionale, disputato a Valencia. Dopo aver fatto segnare la pole position, si è arreso soltanto alla Ducati ufficiale di Pecco Bagnaia, tenendo dietro Jack Miller nella tripletta della casa di Borgo Panigale. Il nativo di Madrid sogna ora l’accesso al team factory per il 2023, dal momento che l’australiano è sulla graticola per gli scarsi risultati.

MotoGP, arriva il terribile lutto: nuovo dramma per il circus

MotoGP, ecco i segreti di Jorge Martin

La MotoGP sta entrando in una nuova era. Dopo il ritiro di Valentino Rossi, la vecchia generazione è ormai alle spalle, ed il Motomondiale è in mano ai giovanissimi. Fabio Quartararo ha vinto il titolo nel 2021, e Pecco Bagnaia è il favorito per il prossimo anno. Jorge Martin, dal canto suo, potrebbe fare davvero bene considerata l’esperienza accumulata in questa stagione.

Il rider iberico ha rilasciato un’intervista a “Speedweek.com“, nella quale ha analizzato i suoi punti di forza emersi nell’anno del suo esordio: “Affronto le curve in maniera diversa rispetto a tutti gli altri, essendo più piccolo fisicamente. Onestamente, mi viene naturale data la mia stazza“.

Pol Espargaro svela il suo eroe: non è Valentino Rossi

Il nuovo talento della MotoGP è stato molto preciso nella sua spiegazione: “Devo inclinare di più quando faccio la curva, perché sposto il mio baricentro leggermente più verso l’interno. Non avrei alternative altrimenti. C’è anche un altro aspetto positivo legato a tutto ciò: riesco a sfruttare meno le gomme, quindi ne limito il consumo“.