Fabio Quartararo, ecco quando ha vinto il Mondiale: nessuno l’ha notato

L’asso della Yamaha, Fabio Quartararo, ha analizzato il momento esatto dove ha capito che avrebbe potuto vincere il campionato 2021.

Fabio Quartararo (Getty Images)
Fabio Quartararo (Getty Images)

Fabio Quartararo è il nuovo uomo copertina della MotoGP. Il centauro classe 1999 è stato il primo francese ad aggiudicarsi un campionato del mondo nella classe regina. Con la sua prima corona iridata ha fatto la storia per un intero Paese che attendeva con ansia la consacrazione del giovane nativo di Nizza.

Il successo di Fabio Quartararo ha interrotto una lunghissima serie di nove vittorie consecutive dei piloti spagnoli. Per trovare un mondiale di un campione non iberico bisogna risalire al 2011 quando Casey Stoner sulla Honda salì sul tetto del mondo. Dopo l’australiano è stato un autentico dominio in successione di Jorge Lorenzo, Marc Marquez e Joan Mir.

A 22 anni e 187 giorni Fabio è il sesto più giovane campione della classe regina. Il record appartiene al pilota della Honda Marc Marquez (20 anni e 266 giorni nel 2013). Il francese si è, però, collocato davanti ad un certo Valentino Rossi (22 anni e 240 giorni nel 2001).
Fabio Quartararo può gioire di un primato che risulterà molto difficile da battere. El Diablo è il più giovane campione per il team Yamaha, battendo il record di Jorge Lorenzo, campione nel 2010 a 23 anni e 159 giorni.

La felicità di Fabio Quartararo

Al termine della gara di Misano, il francese è esploso in una celebrazione splendida. Il centauro della Yamaha non si aspettava un regalo da parte di Pecco Bagnaia che, sul più bello, si è steso a pochi giri dal traguardo. La pressione di dover vincere a tutti i costi ha costretto il ducatista a spingere oltre ogni limite, finendo per sbagliare nel momento clou della stagione.

Il Mugello è stato, secondo Fabio, il GP decisivo della sua splendida annata. La gara chiave perché “lì Pecco è caduto, ma dopo l’operazione al braccio, vincere con la Yamaha al Mugello, che è casa Ducati e dove avevano vinto tre volte negli ultimi tre anni con Dovizioso, Lorenzo e Petrucci, ci ha fatto capire che eravamo messi davvero bene. Al Mugello ho preso tanta fiducia”, ha dichiarato Fabio.

Nel corso del campionato 2021 Fabio Quartararo non è mai caduto. È salito sul podio in dieci occasioni, vincendo cinque gare e segnando altrettante pole. Nell’era moderna della MotoGP il Diablo è il terzo campione senza corona in una delle classi inferiori. La sua costanza mista ad uno stile di guida impeccabile sulla M1 ha reso la sua vittoria quasi scontata. Nel finale del GP dell’Emilia-Romagna un bel tappetto rosso è stato steso per il vincitore che ha sfoggiato un casco dorato celebrativo per il successo iridato.

LEGGI ANCHE >>> Quanto costa il biglietto per Eicma 2021? Ecco tutte le informazioni

“Ho vinto il Mondiale ma non per questo devo pormi in un modo diverso – ha dichiarato il campione del mondo alla Gazzetta dello Sportsono naturale, non so fingere, credo si sia visto. Ho pianto 54 volte in mezz’ora, quello che bevevo usciva dagli occhi”.