MotoGP, retroscena “disgustoso” di Quartararo: dramma prima del GP

Il pilota della Yamaha, Fabio Quartararo, ha rilasciato delle insolite dichiarazioni in merito alla sua condizione fisica.

Fabio Quartararo
Fabio Quartararo (Instagram)

Il leader della classifica mondiale, Fabio Quartararo, al termine di un faticoso GP delle Americhe si è lasciato andare ad una confessione particolare. Il centauro della Yamaha ha corso una ottima gara sul tortuoso tracciato di Austin. Scattato dalla prima fila, Fabio è riuscito subito a sopravanzare il diretto rivale alla corona iridata Pecco Bagnaia.

Il ritmo di Marc Marquez è stato insostenibile per il francese, costretto a guardarsi più alle sue spalle dagli eventuali attacchi dei ducatisti. Primo tra tutti il pilota del team Pramac Racing, Jorge Martin. “In quel momento ho proprio detto a Jorge ‘non passi’, perché la mia corsa sarebbe cambiata in negativo – ha spiegato Fabio Quartararo In quel giro ho spinto come un matto per cercare di creare un po’ di divario tra me e il gruppone che avevo dietro, ho cercato di seguire Marc Marquez non tanto per giocarmela con lui, ma per staccare chi mi inseguiva”.

Fabio Quartararo ha tenuto così la seconda posizione per tutto il corso della gara, riuscendo ad allungare di quattro punti in classifica piloti su Pecco Bagnaia, terzo al traguardo. Il vantaggio dell’alfiere della Yamaha è ora di 52 punti sull’italiano. Molti più distaccati in graduatoria l’attuale campione del mondo Joan Mir e Jack Miller.

Fabio Quartararo, la curiosa confessione

Al termine della corsa, il francese ha dichiarato: “Avevo mal di testa e nausea prima del via, non dormivo da sei giorni, appena ho tagliato il traguardo è passato tutto”. Considerate le condizioni fisiche, Fabio Quartararo ha corso una gara eroica, tenendo un ritmo costante per tutto l’arco del GP.

LEGGI ANCHE >>> MotoGP, Bagnaia: il record che lo rende l’erede di Valentino Rossi

El Diablo è il favorito assoluto per la conquista della corona iridata. Per il nativo di Nizza sarebbe la prima volta in MotoGP, ma con sole altre tre corse al termine del campionato, pare improbabile un tentativo di rimonta di Bagnaia, autore in ogni caso di una brillante prima stagione con la Ducati ufficiale.