Hakkinen avvisa Max Verstappen: ecco di cosa deve preoccuparsi

Che Max Verstappen sia stato straordinario in Canada non ci sono dubbi, l’ex pilota però vede qualcosa di cui preoccuparsi.

Se Max Verstappen, il campione del mondo in carica, è ancora una volta primo nella Classifica Piloti di F1, c’è un motivo molto semplice. L’olandese, anche in Canada, dove la Ferrari di Sainz nel finale era più forte, non ha commesso sbavature e non ha concesso nulla a nessuno, tantomeno allo spagnolo. Il classe ’97 che ha parlato del suo rapporto con papà Jos, vuole il secondo Mondiale consecutivo e non sarà facile strapparglielo.

Max Verstappen Red Bull (Ansa Foto)
Max Verstappen Red Bull (Ansa Foto)

Ovviamente, l’argomento principale di questa settimana di sosta della F1, è proprio la bellissima battaglia che si sta creando lì davanti. A seguire l’olandese, ci sono un Sergio Perez ed un Charles Leclerc, che non si sono certo arresi, a ben 13 Gare dalla fine del campionato e che quindi preoccupano, almeno per ora, proprio Max. Ma secondo un ex pilota, l’olandese dovrebbe aver paura soltanto di una cosa.

Cosa ha da temere Max Verstappen per il Mondiale

Mika Hakkinen, due volte campione mondiale di Formula 1, nella sua rubrica su Unibet, ha parlato proprio di Red Bull e Max Verstappen. “Non avevamo dubbi prima del fine settimana che Max avesse il campionato nelle sue mani. – ha spiegato il finlandese – Il risultato a Montreal conferma che il pacchetto della Red Bull è troppo forte al momento”. L’ex McLaren, sottolinea ancora i punti forti della scuderia austriaca: “Hanno velocità sul rettilineo, un buon bilanciamento e una macchina che Max può gestire chiaramente su qualsiasi tipo di pista. La macchina di Max è stata brillante in ogni sezione del circuito di Montreal”.

Poi però, proprio Hakkinen, un po’ a sorpresa, ammette che se c’è una cosa che i due piloti devono temere, quella proviene proprio dalla loro monoposto: L’affidabilità sembra essere l’unica cosa di cui Max, Checo e il team devono preoccuparsi“, dice infatti il classe ’68. L’ex pilota infatti, si rifà all’incidente che ha tolto dalla Gara, Perez, indicandolo come un momento che avrebbe reso nervoso il team, ma non Max Verstappen che invece è riuscito a concretizzare con un primo posto, fino ad essere persino applaudito sulla stampa italiana che sembra dubitare della Ferrari.

Ed anche delle Rosse, ha ovviamente parlato il rivale storico, che sulla sua strada aveva un certo Michael Schumacher. Ecco cosa ha detto in merito alle Ferrari, il finnico:La Ferrari ha una macchina veloce, ma è fragile. Se la squadra riuscirà a risolvere i loro problemi, allora Charles e Carlos potranno sicuramente sfidare di nuovo la Red Bull, anche se il divario non sarà facile da colmare. La Ferrari non solo deve vincere alcune gare, ma Max deve anche avere problemi con la sua Red Bull”.