Red Bull fa ancora guerra a Mercedes: parole molto velenose

La Red Bull continua a stuzzicare i rivali della Mercedes sulla nuova monoposto. Helmut Marko è molto sicuro della sua squadra.

In casa Red Bull si attende il lancio della nuovissima RB18, che segnerà il ritorno del #1 sulle monoposto prodotte a Milton Keynes. Max Verstappen, neo-campione del mondo, utilizzerà tale cifra, per rimarcare ancor di più di essere stato il migliore nel campionato concluso il 12 dicembre scorso ad Abu Dhabi.

Red Bull (GettyImages)
Red Bull (GettyImages)

Sulla vettura di Adrian Newey, così come sull’AlphaTauri, sparirà il marchio Honda, visto il termine ufficiale dell’accordo tra la casa di Sakura e le due squadre che militano nel Circus. Le power unit giapponesi continueranno ad equipaggiare i due team, ma tutte le spese e la gestione saranno nelle loro mani, senza più coinvolgimenti della casa madre.

In questo anno e mezzo, la Red Bull si è dovuta organizzare per gestire al meglio questa situazione. La proprietà intellettuale delle unità propulsive è stata acquistata dal costruttore nipponico, ed il team di Christian Horner si è assicurato numerosi motoristi strappati alla Mercedes per occuparsi di questo reparto.

Proprio nelle ultime ore è arrivata un’ottima notizia, vale a dire l’accordo raggiunto con la Mercedes per l’ingresso a Milton Keynes di Ben Hodkingson. L’ingegnere svolgerà il ruolo di capo del reparto powertrains, e sarà uno dei punti di riferimento per la costruzione della power unit del 2026. Da quel momento in poi sparirà la MGU-H, e ci sarà da capire quale sarà la motorizzazione per cui opteranno gli anglo-austriaci.

Giovinazzi, cosa farà in futuro? L’ex F1 rivela la sua preparazione

Red Bull, Helmut Marko manda frecciate alla Mercedes

Il 2022 potrebbe regalarci una nuova pagina della battaglia tra la Red Bull e la Mercedes, con Max Verstappen chiamato a difendere il proprio trono dal ritorno di Lewis Hamilton. La presenza del sette volte campione del mondo nel prossimo campionato è ancora un mistero, dal momento che Toto Wolff aveva posto forti dubbi, alludendo ad un possibile ritiro.

Tutto il mondo della F1 spera che tutto ciò venga presto smentito, per permettere ai tifosi di assistere ad una nuova battaglia. Il super-consulente della Red Bull, Helmut Marko, ha provocato il team di Brackley in un’intervista concessa a “Sport1-de“, nel quale gli è stato chiesto chi saranno gli avversari della sua squadra tra pochi mesi.

Sarei sorpreso se la Mercedes non si confermasse in battaglia con noi per il titolo“. La nuova monoposto della casa di Stoccarda verrà svelata venerdì 18 febbraio, il giorno dopo rispetto alla Ferrari. Il bolide si chiamerà W13, mentre i “bibitari” non hanno ancora annunciato la data in cui toglieranno i veli alla RB18.

Red Bull, snobbata la Ferrari: ecco chi saranno i loro sfidanti nel 2022

Le simulazioni, stando alle indiscrezioni, fanno molto ben sperare. La nuova creatura di Adrian Newey è già sulle prestazioni della sua progenitrice iridata, un qualcosa di incredibile se si pensa che queste monoposto sarebbero dovute risultare molto più lente. Ovviamente, il riscontro più attendibile è quello della pista, ma le simulazioni hanno assunto grande realismo negli ultimi anni e c’è da scommetere che tutto verrà confermato tra pochi giorni.