F1, Red Bull guarda al futuro: c’è un uomo chiave da blindare

Dopo la vittoria del titolo con Max Verstappen, la Red Bull F1 punta ai rinnovi contrattuali. Il campione del mondo può essere blindato.

F1 Red Bull (GettyImages)
F1 Red Bull (GettyImages)

Nel mondo della F1 non ci si ferma mai. La Red Bull si sta godendo le vacanze, con il titolo piloti vinto da Max Verstappen che ha riportato in alto il team dopo otto anni di digiuno. L’ultima volta in cui la squadra anglo-austriaca aveva vinto il mondiale sulla pista di Abu Dhabi, aveva poi aperto un ciclo dominanti durato sino al 2013. In quell’occasione, a farcela era stato Sebastian Vettel, poi imprendibili anche negli anni a seguire.

Questa volta non sarà così facile, dal momento che i regolamenti verranno stravolti nel 2022, con la possibilità, per gli altri team, di tentare di chiudere il gap dalle “lattine volanti” e dalle Mercedes. Il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, ha infatti dichiarato che nonostante la rivoluzione tecnica, i due team di punta resteranno nettamente i favoriti.

La F1 ha sposato un cambiamento radicale proprio per cercare di assottigliare le differenze tra le squadre, ma i team migliori saranno sempre Red Bull e Mercedes. Dal canto suo, Max Verstappen può sentirsi abbastanza tranquillo. L’olandese si è tolto il grande peso di dover diventare campione del mondo, ed ha smentito anche gli scettici che non lo credevano in grado di sopportare la tensione di un duello decisivo.

F1, quanto guadagna un ingegnere? La cifra è elevatissima

F1, Horner e Verstappen verso il rinnovo in Red Bull

La Red Bull è tornata al top della F1, e lo ha fatto anche grazie al gran lavoro della Honda. La casa giapponese è uscita ufficialmente dal Circus, ma visto il congelamento delle power unit, continuerà a fornire il team di Milton Keynes. L’unica differenza sarà la sparizione dei loghi del costruttore nipponico dalle monoposto, e lo stesso discorso vale anche per l’AlphaTauri.

In questi giorni si discute molto di futuro, e Max Verstappen e Christian Horner sembrano in odore di rinnovo. L’olandese ha un contratto che scadrà al termine del 2023, ma a Milton Keynes vogliono subito blindarlo. Dal canto suo, l’austriaco è sempre stato il team principal di questa squadra, sin dalla sua fondazione nel 2005.

In un’intervista rilasciata a “Servus TV“, il super-consulente di Red Bull F1, Helmut Marko, ha parlato proprio delle tematiche contrattuali: “Vogliamo avere una squadra solida e sempre al top, e stiamo lavorando molto per questo. Soprattutto quando parliamo di questioni politiche, ci coordiniamo molto bene tra noi, e credo che sia uno dei segreti del nostro successo“.

F1, quanti Mondiali ha perso Lewis Hamilton all’ultima gara?

L’obiettivo è quello di allungare il contratto a Christian Horner, leader del team: “Quando iniziammo la nostra avventura nel Circus, Dietrich Mateschitz era scettico su di lui, credeva non avesse esperienza. In realtà, io lo conoscevo sin dai tempi della Formula 3000, e sapevo che aveva grandi qualità. Si tratta di un capo carismatico, e vogliamo continuare con lui. Anche con Max vogliamo proseguire, e parliamo spesso di come proseguire insieme. Vogliamo chiudere le trattative al più presto“.