George Russell la spara grossa e la FIA lo blocca: “Non si può fare”

George Russell sta disputando sicuramente un’ottima stagione in questo 2022, ma vorrebbe poter provare a lottare per il titolo mondiale.

La Mercedes è stata assolutamente la Scuderia dominatrice per tutti gli anni della nascita dell’era dell’ibrido dal 2014 a oggi, ma in questa stagione le cose non stanno andando per nulla nel miglior modo possibile, così George Russell ha proposto una soluzione molto particolare che potrebbe essere utilizzata se sono non andasse contro al regolamento, con la FIA che non l’ha presa bene.

George Russell Mercedes (Ansa Foto)
George Russell Mercedes (Ansa Foto)

A inizio anno c’erano moltissimi dubbi nei confronti di George Russell, con il giovane pilota ex Williams che veniva visto come un ragazzo estremamente interessante, ma che forse non era ancora pronto per il grande salto di qualità in un Team di primo piano come la Mercedes.

Sicuramente bisogna ammettere come il britannico sia stato davvero bravissimo nel calarsi immediatamente nella nuova realtà, con Russell che nelle prime quattro gare è rimasto dietro al compagno di squadra Lewis Hamilton unicamente in occasione della prima prova in Bahrain, per poi concludere sempre davanti a lui spesso con ampio margine.

L’Arabia Saudita doveva essere solamente un caso, ma Imola è stata ancora più clamorosa, con il 7 volte campione del mondo che non è stato nemmeno in grado di entrare in zona punti con un 13esimo posto che ha lasciato davvero tutti sconvolti e a bocca aperta.

La Mercedes però è ancora lontana anni luce da Ferrari e Red Bull e i Gran Premi continuano a essere accumulati, tanto è vero che ormai sono sempre di meno quelli che credono a una possibile lotta per il titolo della casa tedesca, con George che ha provato a lanciare una proposta che però è stata subito bocciata dalla FIA.

Ho già parlato di sospensioni attive prima. Quella era una soluzione negli anni ’80, quindi forse anche ora. Se guardiamo solo all’esperienza del pilota e alle corse, possiamo rendere le auto molto più veloci. Puoi quindi trovare l’altezza di marcia perfetta per ogni curva”.

Russell e la soluzione vietata delle sospensioni attive

Il porpoising è senza dubbio uno dei grandissimi problemi che sta affliggendo la Mercedes in questa prima parte di Mondiale, con le Frecce d’argento che non stanno riuscendo in alcun modo a trovare delle soluzioni per poter lottare per il titolo, così George Russell, ai microfoni di Sky Sports Inghilterra, ha spiegato come secondo lui l’utilizzo di sospensioni attive sarebbe davvero perfetto per poter risolvere i problemi del rimbalzo della vettura.

“È una tecnologia abbastanza logica di questi tempi. È anche qualcosa che si vede già sulle auto stradali, specialmente con le auto 4×4 che regolano l’altezza da terra. Sembra che sia una soluzione semplice. È qualcosa che aiuterebbe a rendere ancora più veloce la realizzazione di queste auto. Non faccio le regole, non sono un designer. Forse ci sono altri limiti e non è così semplice, ma penso che sia interessante”.

Dunque la palla passa così in mano gli ingegneri della Mercedes, anche se la FIA ha spiegato che questa non può essere una strada percorribile per l’immediato, in quanto è stata bandita dal regolamento, con la Mercedes che dovrà così trovare delle vie alternative per poter rialzare le proprie sorti.