Sainz avvisa la Ferrari: è finito il tempo degli errori, ora vuole il Mondiale

Carlos Sainz è apparso molto determinato dopo l’ottima stagione 2021. Lo spagnolo vuole puntare in alto e crede nel titolo.

Carlos Sainz (Getty Images)
Carlos Sainz (Getty Images)

Il 2021 di Carlos Sainz è stato un anno eccezionale. Lo spagnolo, dopo anni di gavetta in Toro Rosso e Renault, ha raggiunto la maturazione con la McLaren, grazie alla quale è arrivata la chiamata in Ferrari. Molti tifosi hanno storto il naso quando hanno saputo che il figlio del due volte campione del mondo rally avrebbe sostituito Sebastian Vettel, non reputandolo alla sua altezza.

Tutti si aspettavano che svolgesse il ruolo di comprimario, alle spalle di un caposquadra come Charles Leclerc. Sorprendendo il mondo intero della F1, Carlitos è invece salito in cattedra, specialmente nella seconda parte del mondiale. Il nativo di Madrid ha chiuso in quinta posizione nel campionato, alle spalle degli irraggiungibili alfieri di Red Bull e Mercedes, risultando il primo degli altri.

Sainz ha completato la sua prima stagione a Maranello con ben quattro podi, mentre il compagno di squadra ha ottenuto solo un secondo posto a Silverstone. Carlos ha fatto vedere di cosa è capace, precedendo sia la McLaren di Lando Norris che Leclerc stesso in classifica mondiale. Dopo un debutto del genere, le aspettative su di lui sono cresciute moltissimo, e c’è chi è pronto a scommettere che potrà giocarsi un titolo in futuro.

Probabilmente non avrà la velocità ed il talento dei migliori in assoluto, ma una cosa del genere si era già vista con Nico Rosberg, che grazie a costanza di rendimento e duro lavoro era riuscito a portare a casa un mondiale. Carlos, adesso, vuole diventare un idolo in Spagna, dove non si festeggia un mondiale dai tempi di Fernando Alonso, che era stato in grado di far nascere la passione per il Circus nel suo paese.

Carlos Sainz: “Il numero 1 in Ferrari? Non c’è”

Sainz, con la macchina migliore pensa di poter vincere

Nella F1 attuale, come ben sappiamo, la monoposto migliore aiuta molto i piloti a puntare al titolo. Sainz, ovviamente, non l’ha mai avuta a disposizione, ma ha fiducia nel lavoro che la Ferrari sta svolgendo per il 2022. Padre e figlio sono stati ospiti del programma “El Hormiguero 3.0“, per presentare la serie di documentari “Sainz: live to compete“, dedicato alla storia da corsa di questa famiglia.

Il pilota iberico ha lanciato una bella frecciatina a Max Verstappen e Lewis Hamilton, considerati i più forti dell’epoca attuale del Circus: “Con la stessa macchina li posso battere, ma in questo 2021 eravamo a circa 8 decimi da loro. A livello di guida però, voglio pensare che non ci siano più di un paio di decimi di differenza, quindi dobbiamo sperare di essere al loro livello con la nostra vettura, perché se sono in giornata, sento di potermela giocare“.

F1, Mattia Binotto rivela un dettaglio scottante su Masi: caso riaperto?

La carica e la forza di volontà non mancano a Sainz, vera rivelazione del 2021. Riguardo alla sfida con Leclerc ed al fatto di averlo battuto, Carlos ha dichiarato: “Non so se il mio status in Ferrari sia cambiato o meno, ma in F1 è importante riuscire a fare meglio di chi guida la tua stessa macchina. Per me è stato simbolico ma anche molto importante“.