Incassa la vincita al Superenalotto: quello che dirà dopo è incredibile

Una vittoria che sembra no aver scalfito più di tanto la volontà di un imprenditore che ha lottato per il suo lavoro.

soldi 500 euro

La notizia della sua vincita aveva destato curiosità nei confronti di quella storia fatta di speranza e voglia di riscatto. Un imprenditore edile e la sua attività flagellata dal covid, dalla crisi arrivata in seguito alle restrizioni ed alle mille limitazioni seguite ai momenti più difficili del contagio. A Rubano, la vincita di 635mila euro al Superenalotto con una giocata di appena 3 euro aveva creato tanti momenti di entusiasmo e di realistica speranza.

La famiglia sulla quale contare sempre in ogni momento e quei momenti difficili che sembravano dovessero terminare mai. La sua impresa e le difficoltà di quel momento mai vissuto prima d’ora. La speranza che soltanto l’ambito familiare può dare, la certezza che tutto sarebbe passato e che le cose sarebbero tornate come prima, o quanto più possibile vicine al passato. Oggi quella speranza si è trasformata in riscossa, condita da centinaia di migliaia di euro.

LEGGI ANCHE >>> Vincita online non dichiarata, così si teneva il Reddito di Cittadinanza

I 635mila che ridanno speranza ad un paese intero

Vincita
Vincita Superenalotto

Non riesce ancora a credere che tutto sia successo a lui, il fortunato vincitore non comprende ancora cosa vogliano dire quei soldi, cosa significhino adesso: “Non sapevo cosa fare, se ridere o piangere, se credere di essere immerso in un sogno o che fosse tutto vero – ha dichiarato il fortunato vincitore-. Ho pensato subito alla mia famiglia. E visto che non mi sono ancora reso conto della fortuna che mi ha baciato, per il momento proseguirò a fare le cose di sempre e a condurre la mia vita abituale”.

LEGGI ANCHE >>> Gratta e vinci, una vincita da sogno e una dedica speciale: a chi andranno i soldi

La vincita in attesa, i debiti da pagare e la voglia di ripartire, la vita da riprendere e quel lavoro che non smetterà mai di esserci: “Quando l’emozione lascerà spazio alla ragione, estinguerò i debiti – ha dichiarato ancora l’imprenditore edile – e continuerò a lavorare nella mia piccola azienda, che amo tanto e che per una vita mi ha dato grandi soddisfazioni. Poi aiuterò chi è in difficoltà. Bastano piccoli gesti, economici e non, per contribuire alla serenità di tanti. È una goccia nel mare, ma voglio ci sia anche la mia”.