Tabaccaio in fuga con il biglietto vincente: clamorosa la sua versione

La storia del tabaccaio napoletano in fuga con il biglietto Gratta e vinci di una anziana cliente da 500mila euro.

Gratta e vinci
Gratta-e-vinci-Adobe

La fuga terminata anzitempo, per il tabaccaio presunto colpevole di aver rubato un Gratta r vinci da 500mila euro ad una sua cliente, ed il biglietto non più in possesso dell’uomo al momento dell’arresto. La vicenda che aveva in qualche modo appassionato l’opinione pubblica italiana non si è ancora conclusa. Non è ancora chiaro del tutto cosa sarà del biglietto vincente e come andranno le cose nei confronti dell’anziana donna, di fatto truffata.

La fuga dell’uomo era partita da Materdei, nel napoletano, nel momento in cui la donna settantenne aveva portato con se il biglietto vincente da 500mila euro, evidentemente per far si che venisse controllato. Nel momento in cui il tagliando è arrivato nelle mani del tabaccaio, è iniziata la fuga. A Fiumicino nella giornata di ieri la segnalazione del nome dell’uomo data dalla denuncia ha fatto scattare l’allerta della Polizia di servizio presso lo scalo romano.

Il passo falso dell’uomo e quella denuncia che forse l’ha tradito

La destinazione dell’uomo al momento della cattura da parte delle forze dell’ordine erano le isole Canarie, più precisamente Fuerteventura. A tradire l’uomo è stato probabilmente quello che di fatto è stato un vero e proprio passo falso. Il tabaccaio avrebbe infatti denunciato la donna che lo ha a sua volta denunciato di furto, dichiarando che quel biglietto era in realtà suo, facendo a modo suo cadere tutte le accuse rivoltegli dall’anziana donna.

LEGGI ANCHE >>> Il Gratta e vinci gli cambia la vita, dopo il caffè le lacrime: 500mila sogni da realizzare

Il biglietto vincente, però, no era in possesso dell’uomo al momento della cattura da parte delle forze dell’ordine. Per sua stessa ammissione il tagliando sarebbe stato depositato presso una baca di Latina. Li,  dove l’uomo in fuga avrebbe aperto un conto corrente, probabilmente prima di arrivare proprio a Fiumicino, dove la sua corsa è di fatto terminata. Si attendono in ogni caso evoluzioni rispetto alla vicenda, comprendere come prima cosa se la donna avrà o meno diritto alla vincita o se le cose dovessero per qualche ragione andare diversamente.