Cairoli chiude la sua carriera in Motocross al GP di Mantova

Tony Cairoli ha chiuso la sua straordinaria carriera nell’appuntamento lombardo del Motocross. Si ritira dopo nove mondiali vinti.

Cairoli (GettyImages)
Cairoli (GettyImages)

L’ultima tappa del mondiale Motocross targato 2021 ha visto come protagonista Tony Cairoli, che nel corso del Gran Premio di Mantova ha detto basta, all’età di 36 anni. Il pilota siciliano è una vera e propria leggenda di questa disciplina, avendo collezionato ben nove titoli mondiali, 94 vittorie, 179 podi in 278 GP disputati.

Il talento del nativo di Patti venne subito fuori sin dai suoi primi anni vita, quando esordì in minicross ad appena sette anni. Le vittorie si susseguiranno nella sua gioventù, tra titoli nazionali ed europei, che lo metteranno sotto i riflettori come uno dei più talenti più promettenti degli anni Novanta.

Nel 2005 vince il primo mondiale in categoria MX2, in sella ad una Yamaha YZ-F 250, stesso mezzo con cui si ripete nel 2007. Dal 2009 al 2013 è il padrone assoluto della MX1, dividendosi tra la casa di Iwata e la KTM, dove entra nel 2010 e dalla quale non si sposterà più in futuro.

In MXGP arrivano gli ultimi due allori iridati nel 2014 e nel 2017, in una carriera incredibili che lo ha visto supportato anche dalla Red Bull. La settimana attuale è durissima per il mondo delle due ruote del nostro paese: Cairoli ha già effettuato la sua ultima corsa, mentre domenica toccherà a Valentino Rossi in quel di Valencia per quanto riguarda la MotoGP.

Cairoli, Mantova in tripudio per il suo addio

L’addio di Tony Cairoli è un evento molto sentito vista la gran mole dei suoi sostenitori, molti dei quali recatisi a Mantova per celebrare le gesta del campione. La sua ultima gara non lo ha visto tra i protagonisti, nel giorno in cui Jeffrey Herlings portava a casa il quinto titolo in sella alla KTM.

Per il siciliano erano presenti striscioni in ogni angolo, e lui alla fine dell’evento ci ha tenuto ha ringraziare tutti: “Da piccolo mi dicevo che un giorno avrei vinto il titolo, poi sono riuscito a portarne a casa nove. Per quanto mi riguarda, si è trattato di un viaggio splendido, sono grato a tutti quelli che lo hanno condiviso con me. Sono super contento“.

Mi ritengo anche tranquillo, ho preso la decisione di ritirarmi da tanto tempo e non c’è spazio per i rimpianti. Anche perché è stato l’ultimo giro completo, ma non l’ultima corsa. Rimarrò in questo ambiente, voglio mettere la mia esperienza a disposizione dei giovani talenti che si affacciano a questo mondo. Ho anche ancora molta voglia di correre, quindi mi cimenterò in qualcosa di diverso”.

Sui suoi profili social, Cairoli ha voluto rincarare la dose: “One last ride. Speravo di non dover mai scrivere questo post. Ebbene sì, è arrivato il momento di voltare pagina. Grazie a tutte le persone che mi sono state vicine in questo viaggio e che mi hanno sempre dato il meglio. Un abbraccio anche a voi, mi mancherete moltissimo. Il tifo ed il supporto che dimostrate non ha eguali. Stay tuned, more news coming soon“.

LEGGI ANCHE >>> Lutto nel motorsport: il mondo dei motori piange il suo grande campione

Questa ultima frase rende bene l’idea del fatto che Tony non lascerà del tutto il mondo delle corse. Si è parlato di un suo possibile arrivo alla Dakar, competizione che lo ha sempre affascinato ma che vorrebbe disputare tra le auto. L’età per proseguire nel motorsport c’è e la sua voglia di vincere e gareggiare non si esaurirà facilmente.