Il trucchetto del contatore, si risparmia illegalmente: c’è il carcere!

Truccare un contatore è ritenuto un reato abbastanza grave da farci rischiare non solo la detenzione, ma anche una multa altissima

Contatori truccati (Fonte foto: web)

Purtroppo nel nostro Paese, ci sono moltissimi contribuenti che ricorrono a diversi giochini per pagar meno le utenze. Quella del contatore truccato è storia ben nota e che si è scoperto avere in Italia, percentuali altissime.

Diverse sono le tecniche, ma che portano tutte ad un denominatore comune: la manomissione. In pratica, barare sui costi della luce è altamente proibito ed illegale. Se vogliamo conoscere quella più utilizzata poi, dobbiamo informarci sulla “truffa del magnete”, che spieghiamo qui.

LEGGI ANCHE>>> L’anziano è all’ospedale: qualcuno preleva 9.100 euro con la sua carta

Studiando la conformazione dei contatori, alcuni esperti della truffa hanno immaginato l’uso di un oggetto molto economico, per truffare lo Stato. Un magnete abbastanza forte, posizionato sulla parte alta della macchinetta, rallenta in maniera molto forte il contaggio. In alcuni casi addirittura, è capace di azzerarlo del tutto. Non è molto difficile e se tolto prima di eventuali controlli, il magnete non verrebbe scoperto, ma ciò che stiamo facendo è il contrario di incoraggiarvi a farlo.

Il perché è presto detto. La legge italiana infatti è munita di pene davvero severe per chi opera questo tipo di manomissione, e non è tutto. I contatori di ultima generazione infatti, sono dotati di veri e propri sensori, capaci di rivelare eventuali movimenti esterni, quindi essere scoperti è abbastanza facile.

Si va nel penale. Il Codice non prevede di fatto, soltanto una multa, ma anche un eventuale periodo di detenzione. Ne vale realmente la pena? Ed a leggere le pene pecuniarie la risposta è facile da indovinare. La detenzione, varia a seconda dei casi e va da sei mesi a quattro anni. Così, anche l’ammenda che parte da 103 euro, ma può alzarsi fino a 1.032 euro.