Valentino Rossi, che batosta dalla sua Tavullia: arriva il clamoroso esposto

Sta accadendo l’impensabile a Tavullia, il paese di Valentino Rossi. Un esposto alla Soprintendenza contro il fenomeno pesarese.

Valentino Rossi (Getty Images.)
Valentino Rossi (Getty Images.)

Un’icona come Valentino Rossi ha fatto la storia del motociclismo italiano e mondiale, ma soprattutto, ha reso grande il nostro paese sotto tutti i punti di vista. Lo sport delle due ruote non aveva il seguito attuale prima dell’avvento del “Dottore”, che nel 1996 debuttò in 125 mettendosi subito in mostra, portando a casa il primo mondiale l’anno successivo.

Il nove volte iridato è diventato un simbolo, una super-star, capace di dominare la scena per tutto l’arco degli anni Duemila, sfiorando il decimo alloro nel 2015. A Tavullia, il suo paese, dove migliaia di tifosi si radunavano in piazza per seguire le sue gare, era venerato come un Dio, ma ora, si rischia una beffa clamorosa.

Valentino Rossi, i cittadini di Tavullia protestano

Quello che sta avvenendo in questi giorni a Tavullia è una vera e propria coltellata nei confronti di Valentino Rossi, il quale ha reso famosa in tutto il mondo questo paesino. Due settimane fa, il pilota della Yamaha ha chiuso la sua carriera a Valencia, ritirandosi definitivamente da pilota del Motomondiale. Un momento che è stato salutato con lacrime amare da lui stesso e dai suoi sostenitori.

Un vero e proprio tradimento sta arrivando da Tavullia, dove, secondo quanto riportato da “Corriere Adriatico”, è in corso una rivolta da parte dei cittadini. Stando a quanto si apprende, è stato presentato un esposto alla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Marche, per far rimuovere i famosi striscioni e stendardi appesi alle mura cittadine.

LEGGI ANCHE >>> Valentino Rossi tifoso di Max Biaggi? È successo per davvero (VIDEO)

Secondo gli abitanti, che in totale sono circa 8 mila, di questo comune in provincia di Pesaro-Urbino, tutto questo non sarebbe in sintonia con la parte storica della città, andandone a rovinare il patrimonio artistico. Nel frattempo, in attesa di quello che accadrà, gli operai hanno già rimosso tantissimi striscioni, così come il fresco “Grazie Vale” che era esposto su Via Roma. Una vera e propria beffa, ma adesso tutti sono in attesa di importanti novità su come evolverà la vicenda.

Impostazioni privacy