Verstappen promette guerra ad Hamilton: ecco che vuole fare

Il mondiale entra nel vivo e Max Verstappen è apparso molto deciso in Messico. Il suo obiettivo è la terza vittoria su questa pista.

Verstappen (GettyImages)
Verstappen (GettyImages)

Se ci avessero detto, ad inizio anno, che Max Verstappen sarebbe arrivato in Messico con 12 punti di vantaggio su Lewis Hamilton, nessuno di noi avrebbe abboccato. L’olandese e la Red Bull hanno stupito tutti con una stagione strepitosa, ed ora hanno l’occasione di andare in fuga sul tracciato di Città del Messico.

Si tratta dell’occasione più ghiotta dell’intera stagione, considerando che all’ultima bandiera a scacchi manca sempre meno. Tra poco più di un mese scopriremo chi sarà il campione del mondo 2021, una delle stagioni più divertenti di sempre. La sfida che vede contrapposti questi due campioni è ben lontana dall’essere decisa, e tante altre cose possono accadere.

La sensazione che si può percepire nell’aria è quella di un equilibrio che, prima o poi, dovrà spezzarsi. Verstappen ha mantenuto a lungo la leadership di questa stagione, ma dopo l’incidente di Silverstone non è più riuscito ad allungare nettamente in classifica. Lewis, dal canto suo, ha gettato via un sacco di vittorie ed occasioni, a causa di errori suoi e di un team tutt’altro che perfetto.

Da tutto questo ci ha guadagnato soltanto lo spettacolo, visto che si arriva all’Autodromo Hermanos Rodrigues in una situazione di sostanziale equilibrio. Le paure in casa Mercedes sono comunque giustificate, visto che la Red Bull è la favorita numero uno sia qui che in Brasile. Incertezza invece per Qatar ed Arabia Saudita dove non si è mai corso, mentre la Stella a tre punte dovrebbe essere davanti ad Abu Dhabi.

Va detto che anche per l’ultima gara non possono esserci certezze, anche perché fu Verstappen ad imporsi nel 2020 rompendo il dominio anglo-tedesco. In questi mesi, gli organizzatori hanno lavorato a lungo modificando il layout della pista, che ora è diventata più veloce. Si parla di circa 10-15 secondi in meno rispetto al passato. Dunque, ogni pronostico può essere vano.

Verstappen, secondo lui non ci saranno incidenti

Max Verstappen è arrivato in conferenza stampa con il solito sguardo glaciale. L’olandese sembra sentire l’odore del sangue ed in questo week-end vuole aggredire la preda per ferirla definitivamente. Anche se, quando quella preda si chiama Hamilton ed ha vinto sette titoli, l’impresa si fa più ardua.

Riguardo ai contatti che si sono visti in stagione a Silverstone e Monza, Toto Wolff si era espresso in settimana parlando di un remake della sfida tra Ayrton Senna ed Alain Prost. I titoli del 1989 e del 1990 vennero decisi da due incidenti, ma sia Lewis che Max non la vedono come il manager austriaco.

Ecco le parole del leader iridato: “Non voglio pensare a quello che è successo nel passato, io punto a vincere questo mondiale e per farlo darò tutto me stesso. Voglio sfruttare al massimo le mie capacità per battere il mio avversario, mi basta fare più punti di lui e posso farcela. Devo, per forza di cose, cercare di vincere molte corse, e sarò aggressivo con tutti i miei colleghi, anche con Lewis. Posso assicurare che guiderò senza giocare sporco“.

LEGGI ANCHE >>> Toto Wolff, previsione spiazzante sul Mondiale: ecco cosa pensa

Credo sia vero che qua saremo leggermente favoriti, ma solo sulla carta. Dobbiamo avere un set-up perfetto e per questo sarà fondamentale la prima sessione di prove libere, serve capire subito le condizioni del tracciato. Sono molto felice di quello che sto facendo, è ovvio che c’è un pò di pressione ma non è la prima volta che lotto per un titolo. L’ho fatto tante volte, ed anche se sono in F1 la cosa non cambia. L’obiettivo resta la vittoria finale e questo mi è già capitato in passato“.