Toto Wolff mette il figlio su una Ferrari: il motivo è da brividi

Toto Wolff è una delle figure più importanti nel mondo dell’automobilismo mondiale, per questo motivo ogni sua azione è messa in risalto.

La Mercedes è stata la Scuderia dominatrice di queste ultime stagioni, con Toto Wolff che ne è stato il capo assoluto e il Team Principal di una dei più straordinari domini che ci siano mai stati nel mondo della F1, ecco dunque perché ogni sua decisione un po’ diversa rispetto al normale lascia tutti davvero molto perplessi, come quella che ha appena rilasciato in quel di Montecarlo.

Toto Wolff Mercedes (Ansa Foto)
Toto Wolff Mercedes (Ansa Foto)

Per ben 8 anni consecutivi la Mercedes ha dominato e vinto il Mondiale costruttori in F1, con il solo smacco di quello piloti perso nel 2021 in favore di Max Verstappen, e sono davvero tanti i motivi di questa netta superiorità della casa tedesca.

I volti principali sono sicuramente Nico Rosberg e, in particolar modo, Lewis Hamilton, con il figlio d’arte e il britannico che sono stati in grado nel corso della propria carriera di realizzare una serie di imprese che hanno permesso alle Frecce d’argento di entrare sempre di più a far parte dell’immaginario collettivo mondiale.

Non si può però dimenticare nemmeno una figura leggendaria come quella di Toto Wolff, uno dei più grandi Team Principal che mai si siano visti in un muretto box, con il tedesco che è sempre stato molto amato dai suoi tifosi e tremendamente odiato da tutti coloro che non avevano a cuore le sorti di Stoccarda.

Il suo nome quindi sarà per sempre legato al marchio Mercedes, per questo motivo è stato davvero incredibile vedere un Wolff a bordo di una Ferrari, ma in occasione del GP di Monaco in onore delle vecchie monoposto di un tempo è stato possibile vederlo.

Si tratta infatti del figlio Jack Wolff, ragazzo che avrebbe l’intenzione di diventare un pilota a tutti gli effetti e che nel circuito del Principato è salito a bordo della Rossa di Niki Lauda, una delle più grandi che siano mai state progettate, con l’austriaco che per diversi anni è stato considerato a tutti gli effetti come uno dei grandi uomini della Mercedes.

Il rapporto tra i Wolff e Lauda nel corso degli anni

Non è stato per nulla facile in questi anni sopperire all’assenza nel box Mercedes si un’icona assoluta come Niki Lauda, uno dei più grandi piloti che si siano mai visti all’interno di un circuito di F1, dimostrando così come l’austriaco abbia rappresentato a tutti gli effetti una delle più grandi e meravigliose figure di sempre.

Il suo cuore ha sempre battuto per il Rosso della Ferrari, anche se va detto che per lui non è sempre stato rose e fiori in quel di Maranello, tanto è vero che se ne andò in malo modo nel 1977 al termine di un Mondiale dominato e vinto con due GP d’anticipo, gare che non vennero infatti più disputate.

Lauda ha poi iniziato un legame fortissimo con la Mercedes nel corso degli anni, per questo motivo è stato a tutti gli effetti una delle figure in assoluto più amate nel mondo del Motorsport, con il 3 volte campione del mondo che ha saputo dare consigli preziosi a Wolff e a tutti i suoi collaboratori, ma quando morì nel 2019 decise di farsi seppellire con addosso la tuta della Ferrari.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Susie Wolff (@susie_wolff)