F1, Toto Wolff e Lewis Hamilton sono furibondi: il motivo è clamoroso

La F1 ha cambiato faccia rispetto al passato, con la Mercedes ridotta al ruolo di comprimaria. Ecco cosa sta accadendo ai campioni.

Nonostante la sconfitta di Abu Dhabi, con Lewis Hamilton che si è dovuto arrendere alla Red Bull di Max Verstappen, la Mercedes si è presentata al via della nuova era della nuova era della F1 da campionessa del mondo in carica per quanto riguarda i costruttori. L’alloro iridato ottenuto nel 2021 è stato l’ottavo consecutivo, ma probabilmente la serie di imbattibilità nell’era ibrida terminerà in questa stagione.

F1 Toto Wolff e Lewis Hamilton
F1 Toto Wolff e Lewis Hamilton

Red Bull e Ferrari hanno costruito due astronavi, mentre la F1 W13 è una monoposto sbagliata, che soffre terribilmente il guaio del porpoising, ma è ricca anche di altri difetti. Tutto ciò ha portato il team di Brackley ad ottenere appena due podi nelle prime cinque gare, con due terzi posti per Hamilton in Bahrain ed in Australia con George Russell.

Tuttavia, i risultati sono stati frutto del caso, visto che si è trattato di un vero e proprio regalo della Red Bull, fuori con entrambe le macchine a Sakhir e con Verstappen a Melbourne. Nelle ultime due tappe, persino l’Alfa Romeo Racing di Valtteri Bottas aveva il ritmo delle frecce d’argento, nettamente battute dalla McLaren di Lando Norris ad Imola.

Il campionato della rivoluzione tecnica che ha cambiato il Circus è un affare tra Red Bull e Ferrari, con la Mercedes condannata ad inseguire da lontano. Questo è il verdetto che è emerso dalle prime cinque gare stagionali, in cui le frecce d’argento hanno recitato il ruolo delle comparse, senza mai lottare per la vittoria.

Toto Wolff, il team principal della casa della Stella a tre punte, ha parlato molto chiaramente: “A Barcellona abbiamo girato con la vecchia macchina, e quindi potremo operare un bel confronto con la versione portata in Bahrain. Decideremo dopo questa gara con quale delle due andare avanti, sicuramente ci saranno molti dati da raccogliere e su cui potremo lavorare. Mi scoccia parlare di analisi e cose del genere, ma non possiamo fare altro“.

F1, Hamilton e Wolff molto delusi da un aspetto

Dopo la “cacciata” conseguente al disastro di Abu Dhabi, Michael Masi potrebbe clamorosamente rientrare in lizza per il ruolo di direttore di gara in F1. Ad annunciarlo è stato Mohammed Ben Sulayem, il presidente della Federazione Internazionale, dunque, una fonte ufficiale.

Secondo le indiscrezioni, Lewis Hamilton e Toto Wolff non avrebbero di certo accolto con favore la notizia. Il “Dailymail” ha riportato le testimonianze di vari addetti ai lavori secondo cui questo annuncio ha incontrato la netta contrapposizione della Mercedes, parte lesa di quanto avvenne lo scorso anno a Yas Marina, dove Max Verstappen mise le mani sul titolo mondiale.

Secondo quanto riferito, Hamilton è rimasto sbalordito dalle dichiarazioni del presidente della FIA. Il team principal della casa della Stella a tre punte era furioso quando ne è venuto a conoscenza. Il quotidiano ha inoltre riferito che i membri di spicco della squadra hanno avuto consultazioni di emergenza al telefono. Tuttavia, un insider ha detto che Sulayem non vuole iniziare una discussione, ma che vuole semplicemente ripristinare la direzione di gara precedente della FIA, con Masi parte integrante.

La F1 è dunque pronta per un clamoroso dietrofront, che testimonia la grande confusione che vige all’interno della Federazione Internazionale. Il ritorno di Masi non è sicuramente un bello spot dopo quanto accaduto non solo ad Abu Dhabi ma in tappe come quella del Belgio o dell’Arabia Saudita. I prossimi mesi saranno decisivi, ma c’è da dire che in molti, anche sui social, si sono detti contrari ad una scelta del genere. Il Circus, ancora una volta, rischia di contraddirsi sulle proprie scelte.